Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Diario » Berlin sketches

Berlin sketches

15/02/12  silvio.maselli

Veloci impressioni da Berlino 2012:
1. La crisi c’è, forte, densa, bituminosa. E si sente. Meno operatori al mercato, affari a rilento.
2. Berlino è sempre il miglior posto in Europa per fare affari territoriali: grandissimo l’interesse nei nostri confronti, tanta attenzione da parte di produttori stranieri e conferme dagli italiani.
3. La promozione del cinema italiano così non va. Ma come, entri nello stand italiano e non leggi da nessuna parte che, tra iva e tax credit in Italia oggi i produttori stranieri risparmiano sino al 46% di tasse? In Cile fanno meglio, giuro.
4. Nella metropolitana di Berlino non esistono i tornelli: ci si fida. Ma evidentemente se ti beccano senza biglietto ti pelano. Gente seria sti tedeschi.
5. Tristezza Tacheles: una volta il più bel centro sociale e culturale d’Europa. Oggi vi stazionano davanti tre spacciatori (un tedesco, un mediorientale, un afro). E il tanfo di acido urico è drammatica.
6. Una corsa di taxi lunga anche mezzora costa 20 euro o pochissimo più. Alzi la mano e si fermano i taxi. Se liberalizzare le licenze significa questo, allora Mario Monti ha ragione.
7. L’amico dice “beato te, vai a Berlino”. Non sa che ho tenuto circa 12 incontri al giorno, seguito tre conferenze, partecipato a due meeting internazionali, sostenuto trattative molto dure, visto alcuni film. Il lavoro è lavoro. Pure a Berlino, Cannes, LA, Mumbai.
8. Ma la sera, passeggiare per il quartiere ebraico è stupendo. Senti solo i tuoi passi affondare nella neve chiacciata e il rombo lontano di Potsdamer Platz.
9. Diaz - Don’t clean up thi blood è il capolavoro di Daniele Vicari. Storceranno il naso i militanti severi, perché manca il movimento con le sue sacrosante e attualissime ragioni. Ma Daniele non ha voluto rifare l’ennesimo documentario. Ci parla di cos’è il fascismo. E’ un altro cinema.
10. Certezze teutoniche: la navetta gratuita dal Martin Gropius al Marriot, le gambe delle hostess, le arance marocchine nella hall del MGB, Myriam Arab, Filmitalia, il ristorante Gambrinus, la passeggiata al memoriale dell’olocausto e nel Tiergarten, Thierry Baujard, Cine - Regio e Charlotte, Nunnu, gli italiani che stanno sempre tra di loro invece di buttarsi nel mondo concentrato a Berlino. Ma io non mi sento italiano e me ne vado per i giri miei.

Lascia un commento

Cliccando su invia accetti l'informativa sulla privacy

Security Code:

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina