Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Diario » Fili rossi

Fili rossi

18/06/12  silvio.maselli

A volte mi accorgo di dedicare troppa attenzione ai numeri, all’impianto industriale dell’audiovisivo, dimentico che noi viviamo di contenuti e che, oltre un decennio fa, decisi di occuparmi di cinema per cambiare il mondo con altri mezzi.
La nostra è la lingua dei segni e con un film si può ammazzare, amare, cambiare qualcuno o qualcosa.
E allora dobbiamo dirci la verità più amara: il nostro paese non esporta con forza cinema perché non ha nulla da dire al mondo se non trita retorica nazionale o vuoto cosmico ridanciano.

Ma è pur vero che storie forti che riflettono su grandi temi che interrogano le coscienze civili degli spettatori di tutto il mondo sono nate sì da grandi autori, ma quasi sempre da contesti industriali maturi, che favoriscono l’emersione di buone storie perché, innanzitutto, i produttori sanno riconoscerle e valorizzarle e possono farlo perché sostenuti da apparati pubblici e da network televisivi non imbolsiti o impiastricciati di politica come la nostra Rai.
“Le invasioni barbariche” di Denys Arcand è un film canadese co-prodotto con i francesi del CNC e parla di vita e di morte in modo sorprendente e indimenticabile.
“Il mare dentro” di Alejandro Amenàbar è un film spagnolo e parla di eutanasia nel modo più commovente, duro, vero che io abbia mai visto.
“Quasi amici” di Olivier Nakache e Eric Toledano è una produzione Gaumont sostenuta nuovamente dal CNC e tratta di malattia, amore, amicizia, ricchezza e povertà con i toni fintamente cattivi della nuova commedia di genere edificante. E, vedendolo, mi son chiesto: perché mai il ruolo di Omar Sy non poteva essere interpretato dal nostro Luca Medici?

Perché anche ai produttori, agli sceneggiatori e agli autori più bravi italiani manca il respiro e il coraggio di osare, tanto più al tempo della crisi, storie ultime, marginali, che riflettano chi siamo e dove andiamo. Perché in Italia abbiamo paura del futuro, temendo di scoprirlo peggiore del presente. E allora serve una nuova generazione di talenti che osi di più, che inventi, che rischi, che crei e innovi. E che dica la verità, nient’altro che la verità.

Lascia un commento

Cliccando su invia accetti l'informativa sulla privacy

Security Code:

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina