Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Diario » Irish guns

Irish guns

23/11/10  silvio.maselli

Mi ricordo bene gli anni della mia formazione universitaria, quando docenti e molti commentatori glorificavano le mirabolanti performance macro economiche della stupefacente flessibilità irlandese.
Erano gli anni del liberismo made in Fondo monetario internazionale, prima di Genova 2001, e tanti giornalisti commentavano che quella era la strada giusta per ammodernare anche l’Italia e il suo vecchio welfare affaticato dal debito pubblico.
Ed eccoci qui, a leccarci le ferite, dopo vent’anni di ciclo liberista con le pistole alla tempia dei lavoratori dell’occidente, con le borse in picchiata libera senza protezione e l’Europa unita che deve salvare la Grecia e poi l’Irlanda e poi il Portogallo e poi chissà. E Cindia che avanza per condizioni di lavoro ancora più soffocanti e una competizione verso il basso, sino a raschiare il fondo.

Chiedo: dove sono finiti quei tanti liberisti di casa nostra? Cosa pensano dei contratti precari, della corsa pazza di un paese fragile e piccolo come l’Irlanda? Pensano ancora che meno stato e più mercato sia la ricetta? Lo pensano davvero questi liberisti da strapazzo, dopo che Obama ha dovuto salvare il suo paese dalla quasi decennale cura di Bush Jr., con 800 miliardi (ottocento miliardi!) di dollari pubblici per nazionalizzare le banche massacrate dai subprime che loro stesse avevano inventato e dalla insolvenza dei cittadini mutuatari?

Dove siete adesso? A scrivere qualche trattatello sulla potenza del denaro e delle motivazioni all’acquisto? Oppure a raccontarvi finalmente la verità di un mondo sconquassato dai vostri argomenti imposta tramite media, libri e dibattiti per venti lunghi anni di un pensiero dominante che avete trasformato, nell’epoca della morte delle ideologie, in un unico pensiero di morte?

Un commento

  1. Autore: Francesco Morra.

    Buongiorno dr. Maselli,

    domani 30 novembre, alle ore 11, presso la sala consiliare del Comune di Bari presentiamo in anteprima il trailer

    “Top Secret - Bari 2 dicembre 1943″

    di cui io sono l’autore.

    Il trailer della durata di 6 minuti, si basa su interviste a sopravvissuti inglesi, a un marinaio italiano sopravvissuto e su documenti d’archivio, molti inediti, dei Nara di Washington, National Archives di Londra, e Bundesarchiv-Militaerarchiv di Friburgo.

    Cordiali saluti

    Francesco Morra

Lascia un commento

Cliccando su invia accetti l'informativa sulla privacy

Security Code:

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina