Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » News » Mar Piccolo al festival "Sguardi di cinema italiano"

Mar Piccolo al festival “Sguardi di cinema italiano”

Venerdì prossimo, 15 gennaio, il regista ALESSANDRO DI ROBILANT presenterà in sala MarPiccolo.

DI ROBILANT insieme all’attore GIULIO BERANEK ed alla scenografa SABRINA BALESTRA aprirà l’undicesima edizione del Festival che ha fatto della Puglia il grande schermo del cinema italiano d’autore.

Alla serata d’apertura prenderanno parte insieme al regista, all’attore protagonista ed alla scenografa di Marpiccolo, anche l’Assessore al Mediterraneo, la prof.ssa Silvia Godelli, il Vicepresidente della Provincia ed Assessore alla cultura, il dott Trifone Altieri, il Sindaco della Città di Monopoli, l’ing. Emilio Romani, l’Assessore alla Cultura del Comune di Monopoli, il Maestro Elio Orciuolo.

Una grande serata evento apre l’undicesima edizione di Sguardi di Cinema Italiano: un nuovo ed importante traguardo per il Festival che ha trasformato una città in un tradizionale luogo d’appuntamento per i registi della nuova produzione cinematografica nazionale ed un evento culturale in un singolare trait d’union tra l’autore ed il suo pubblico.

Con questa sua undicesima edizione il Festival Sguardi di Cinema Italiano non festeggia unicamente un importante traguardo in questo suo lungo viatico di pellicole e pubblico, ma celebra in special modo quel cinema italiano d’autore di cui è stato - e continua ad essere - vetrina reale e specchio privilegiato.

Grazie all’intervento garante del Sindaco di Monopoli, svanite le incertezze che pendevano sulla sede della manifestazione, Sguardi si prepara per il primo appuntamento del 15 gennaio 2010. Il Cinema “Visconti”, tradizionale sede delle proiezioni del Festival, a causa di alcune manovre ritorsive indirizzate al direttore artistico, il prof. Michele Suma (reo di aver ribadito, in qualità di consigliere comunale, la destinazione attuale della struttura a “servizi pubblici”), avrebbe potuto non ospitare la nuova stagione del Festival. Durante la conferenza stampa presso il Palazzo di Provincia a Bari, il Sindaco Romani ha rassicurato giornalisti ed appassionati sul futuro monopolitano del cinefestival.

Un’anteprima nazionale, una prima nazionale e tre prime visioni in Puglia coronano questa undicesima edizione del Festival che da venerdì prossimo, 15 Gennaio, fino al 19 Marzo farà della nostra regione il grande schermo del cinema nazionale d’autore.

Una stagione, dunque, che ha ben meritato anche quest’anno la Medaglia da parte del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, la promozione diretta dell’iniziativa da parte della Regione Puglia - Assessorato al Mediterraneo, ed i patrocini dell’Assessorato al Turismo della Regione Puglia, della Provincia di Bari – Assessorato alla Cultura, dell’Apulia Film Commission, dell’AGIS di Puglia e Basilicata, della FICE ed il sostegno della Città di Monopoli.

L’edizione 2010 di Sguardi si fregerà di ben 10 serate evento che vedranno registi, attori e produttori solcare la soglia della manifestazione. La nuova stagione potrà poi contare su di una grande anteprima nazionale, Il sole di Nina di Marco Arturo Messina (il 5 Marzo), proiezione accompagnata dal concerto del regista e dei suoi musicisti, che il giorno successivo eseguiranno dal vivo la colonna sonora del film. Si segnalano anche una importante Prima Nazionale, La Fisica dell’Acqua di Felice Farina (il 12 Febbraio) e ben tre Prime Visioni in Puglia: Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (il 5 Febbraio), La cosa giusta di Marco Campogiani (il 19 Febbraio) e Good Morning Aman di Claudio Noce (il 26 Febbraio).

Un nuovo riconoscimento raddoppia poi l’orizzonte d’azione del Festival: dopo il successo del Premio Liceali – controfirmato da una grande giuria di 100 liceali, vicini al sentire della manifestazione – quest’anno si aggiunge il Premio del Pubblico, dedicato al miglior film in concorso e finanziato dalla BCC di Monopoli (assegno di € 2.000,00), che ha sposato la linea di mecenatismo cinematografico e regalato l’esperienza di giuria popolare a tutti gli appassionati, alla città di Monopoli e all’intera area del sud est barese. Il pubblico, quindi, si trasformerà in giuria popolare!

Una lunga carrellata c’introduce già al cuore della storia raccontata in MarPiccolo. Al regista basta questa lunga ripresa per tratteggiarci un intero mondo: quel triste universo di confine, diviso tra il MarPiccolo e la nera sagoma dell’Ilva, che ruota e poggia sulla spalle del giovane protagonista, Tiziano, magistralmente impersonato da un attore non professionista, Giulio Beranek, ospite di Sguardi.

Liberamente tratto dal romanzo Stupido di Andrea Cotti, (tra gli autori della sceneggiatura insieme a Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli), Marpiccolo rappresenta una fedele istantanea del girone di dannati ed emarginati che popola le periferie industriali della nostra penisola. Quell’Ilva che da sola produce un decimo dell’intero inquinamento europeo, sembra aver avvelenato anche gli animi dei suoi concittadini, ormai neri come i fumi che fanno da orizzonte alle loro vite.
Di Robilant tratteggia una Puglia diversa da quella delle cartoline, meno turistica e più di confine, al limite come le strade che danno vita al quartiere tarantino Paolo VI, dove neppure l’idea romantica dell’amore invincibile salverà il protagonista dal carcere.
Ma da questo pantano, questa terrà ferita, germoglierà forte una nuova vita, perché al di fuori di questo “mar piccolo” c’è un oceano di speranze.

Giulio Beranek, ospite in sala, è un attore giovanissimo, uno degli esordienti più interessanti nell’orizzonte cinematografico italiano ed una delle migliori rivelazioni di questo anno appena trascorso. Sabrina Balestra, dal suo canto, ha all’attivo la scenografia di numerose pellicole pugliesi e sulla Puglia, basti pensare SangueVivo, Galantuomini e Finepenamai di Winspeare e Barletti, già ospiti di Sguardi.

“Quando ho letto per la prima volta la sceneggiatura ho pensato immediatamente a Napoli come luogo simbolo della durezza della vita di oggi. Poi, durante un viaggio nel Sud d’Italia, mi sono imbattuto in Taranto: per la prima volta e senza esitazione ho deciso che questa città era perfetta per raccontare questo film. Una città molto bella, molto simile a Siracusa, grecale come Siracusa, e vergognosamente ferita dalla presenza della più grande e inquinante industria d’acciaio d’Europa – ha dichiarato Alessandro Di Robilant - Ecco, la giustapposizione della bellezza naturale e storica della città alla grande e infernale fabbrica dà il sentimento più vicino alla rabbia e alla frustrazione del mio personaggio protagonista, un giovane pieno di talento e senza alcuna speranza. Attorno a lui una comunità la cui forza di sopravvivere nonostante tutto mi ha toccato nel profondo”.
Un perfetto narratore delle gesta di personaggi profondi, oscuri quasi scomodi, ma intensi dal punto di vista del trasporto emotivo. Vissuto a Milano, Di Robilant parte dalla realizzazione di spot e cortometraggi, per giungere al cinema, diventando l’assistente di Maestri del calibro di Mario Monicelli, Alberto Lattuada e Luigi Comencini.
Forse è per questo che nei film di Di Robilant c’ è un tratto classico, che si lega indissolubilmente al grande cinema sociale italiano del dopoguerra. Celeberrima la sua trasposizione de Il giudice ragazzino (1994) di Nando Dalla Chiesa, incentrato sulla biografia del magistrato Livatino, ucciso barbaramente dalla mafia. Una pellicola che gli farà ottenere il premio Blue Angel al Festival di Berlino.

“Sguardi di Cinema Italiano compie undici anni. Un grande traguardo che non può che farci inorgoglire. A più livelli la nostra lungimiranza è stata premiata, in primis dal pubblico, che sempre più numeroso condivide con noi emozioni d’autore, poi dalle istituzioni che ogni anno ci confermano i loro patrocini e i loro alti riconoscimenti ed infine dal mondo del Cinema Italiano d’autore - dichiara il direttore artistico Michele Suma, che aggiunge – Tanti i registi ed altrettanti gli attori che in questi undici anni hanno fatto la storia di Sguardi, un Festival che ha segnato positivamente la vita culturale del nostro territorio, facendone un’importante crocevia per la cinematografia nazionale d’autore.”

Due Media partner confermano il loro interesse verso l’operato di Sguardi: l’emittente televisiva CANALE 7 e CONTRORADIO.

Per ogni ulteriore informazione consultare il sito www.sguardidicinemaitaliano.org o contattare l’infoline 334/1310000.

Ufficio stampa – Pasquale Raimondo
prraimondo@iol.it

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina