Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Rassegna stampa » Comunicati Stampa » La Puglia al Torino Film Festival 2010

La Puglia al Torino Film Festival 2010

QUATTRO PRODUZIONI REALIZZATE CON IL SOSTEGNO E IL CONTRIBUTO DELL’APULIA FILM COMMISSION IN CONCORSO ALLA 28^ EDIZIONE DEL TORINO FILM FESTIVAL, IN PROGRAMMA DAL 26 NOVEMBRE AL 4 DICEMBRE 2010.

L’Apulia Film Commission è presente con ben quattro produzioni alla 28^ edizione del Torino Film Festival, in programma dal 26 novembre al 4 dicembre, diretto dal regista Gianni Amelio.

I documentari “Scuola Media” di Marco Santarelli e “Via Appia” di Paolo De Falco sono in concorso nella sezione Italiana.doc., mentre nella sezione Italiana.corti sono in competizione “I resti di Bisanzio” di Carlo Michele Schirinzi e “Archipel” Giacomo Abruzzese.

“Scuola Media” (Italiana. doc.), prodotto da Ottofilmaker con il sostegno di Apulia Film Commission, è stato interamente girato in una scuola media di un quartiere della periferia industriale a Nord di Taranto. Si tratta di un documento che segue il lavoro quotidiano di alcuni insegnanti e di una preside che si confronta e si scontra con i sogni, i problemi e le difficoltà di ragazzi e genitori. Insomma, una riflessione sulla scuola oggi in Italia tra docenti, una preside in trincea e studenti che si raccontano.

Da sfondo al documentario una città segnata nel vivo dall’Italsider (oggi ILVA): la grande “fabbrica d’acciaio”, costruita a Taranto nei primi Anni ‘60 e che ancora oggi rappresenta l’impianto siderurgico più grande d’Europa. Il quartiere dove si trova la scuola fu costruito per soddisfare le esigenze abitative della nuova classe operaia e impiegatizia tarantina, che, in quegli anni, vedeva finalmente realizzato il sogno di un posto in fabbrica.

“Via Appia” (Italiana. doc.), racconta la storie di tre personaggi reali che viaggiano in modi diversi sull’Appia, l’antico tracciato che da Roma arriva a Brindisi. Ciascuno è spinto dai propri desideri e dalle proprie motivazioni ma la strada progressivamente li risucchia e li muove con il suo potere. Realtà e metafora si confondono, dando vita a un percorso “inconscio” che offrirà loro scoperte ed emozioni profonde. Un film mistico e politico sul tema dell’identità che propone il futuro come un nuovo inizio, “le macerie” come l’alba di una nuova era. Prodotto da Grad Zero-Film Grad con il contributo del Comune di Roma, della Provincia di Caserta, della Teca del Mediterraneo del Consiglio Regionale della Puglia, dell’Apulia Film Commission e dell’Assessorato alla Solidarietà della Regione Puglia, Via Appia rientra nel progetto dell’Archivio liquido dell’Identità.

Per il regista salentino Carlo Michele Schirinzi, è un ritorno al Festival torinese nella sezione Italiana.corti. Infatti, dopo aver vinto l’anno scorso con “Notturno Stenopeico”, quest’anno l’autore pugliese torna in concorso con “Mammaliturchi”, prodotto da Gianluca Arcopinto, Carlo Michele Schirinzi e Coop. Kama.

Una porta metallica divide il container dal mare, nero, illuminato a tratti dai lampi. Un’altra sagoma si staglia nel buio, quella di un luogo abbandonato, oggetti dimenticati a testimonianza di ciò che conteneva: materassi, armadi, tavoli, sedie, giocattoli e libri, un tempo utili a qualcuno. I corridoi comunicano con stanze disadorne. Dalle finestre il cielo sembra appropriarsi degli spazi inutilizzati mentre infine il silenzio domina incontrastato.

“Il film –dichiara il regista- non vuole essere un attacco ai carnefici né un compatimento delle vittime, non vuol essere una critica a un metodo sbagliato né un calcio a una legge che ha permesso di creare nuove prigioni mutando il significato del termine “ospitalità”: una visione d’apnea documenta con occhio vitreo l’enorme relitto inabissato in cui tutto è sospeso come in un fondale cullato dalle acque. E’ come se uno dei tanti cadaveri custoditi nel Mediterraneo s’aggirasse clandestinamente tra le piastrelle bianche di questo corpo profanato”.

Attualmente Schirinzi è impegnato nella realizzazione del suo primo lungometraggio “I resti di Bisanzio”, prodotto da Gianluca Arcopinto e Coop. Kama con il contributo di Apulia Film Commission.

Sempre nella sezione Italian. corti il regista tarantino Giacomo Abruzzese presenta il suo “Archipel” (Yellow Dawn Production), realizzato tra Francia e Palestina. Di notte il giovane palestinese Abed, attraverso il sistema fognario, entra illegalmente a Gerusalemme Ovest passando sotto il muro che divide la città. Lavora in un ristorante con Claudia, che diventa la protagonista dell’aneddoto, a metà tra sogno e racconto, con cui intrattiene i colleghi mentre fumano l’ultima sigaretta della serata. Arrivato il giorno di chiusura settimanale, decide di rientrare a casa con una cassa bianca: con l’autobus e a piedi attraverso colline e cieli carichi di pioggia, quello di Abed sarà un lungo viaggio.

“Volevo raccontare la storia quotidiana di un uomo che per necessità si mette in movimento ed è costretto a cercare continuamente dei punti di ingresso e di uscita, fino a perdersi in un territorio che lui stesso non riconosce più. Negando l’attuale partizione politica del territorio (territori palestinesi e israeliani non vengono mai citati), Archipel mostra le costrizioni, le difficoltà di un tragitto inedito e misterioso, rifiutando l’uso dello spettacolare. Non c’è niente di straordinario nell’organizzazione dell’oppressione”. A giorni Abruzzese sarà impegnato a Taranto nelle riprese del suo nuovo lavoro sperimentale “Fireworks”, prodotto da Le Fresnoy con il contributo di dell’Apulia Film Commission.

Bari, lunedì 29 novembre 2010

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina