Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Rassegna stampa » Comunicati Stampa » OFFF - studio "il sostegno alla filiera audiovisiva in Puglia: analisi impatto AFF 2007/2010"

OFFF - studio “il sostegno alla filiera audiovisiva in Puglia: analisi impatto AFF 2007/2010″

NELL’AMBITO DELLA III EDIZIONE DELLA RASSEGNA “OFFF” (OTRANTO FILM FUND FESTIVAL) IN CORSO A OTRANTO FINO AL 6 SETTEMBRE DOMANI, VENERDI’ 2 SETTEMBRE ALLE 10 NELLA SALA TRIANGOLARE DEL CASTELLO ARAGONESE, SARA’ PRESENTATO LO STUDIO “IL SOSTEGNO ALLA FILIERA AUDIOVISIVA IN PUGLIA: PER UN’ANALISI DI IMPATTO DI APULIA FILM FUND (2007-2010)”. COMMISSIONATO DA APULIA FILM COMMISSION E REALIZZATO DALLA FONDAZIONE ROSSELLI, L’ELABORATO FOTOGRAFA LA PORTATA DEGLI IMPATTI ECONOMICI SUL TERRITORIO REGIONALE DELL’APULIA FILM FUND, IL FONDO DI FINANZIAMENTO PER L’AUDIOVISIVO GESTITO DA APULIA FILM COMMISSION.

Sarà presentato domani, venerdì 2 settembre alle 10 nella Sala triangolare del Castello Aragonese, nell’ambito della seconda giornata di OFF – Otranto Film Festival, lo studio realizzato dall’Istituto di Economia dei Media della Fondazione Rosselli “Il sostegno alla filiera audiovisiva in Puglia: per un’analisi di impatto di Apulia Film Fund (2007-2010)”. Lo studio fotografa la portata degli impatti economici sul territorio regionale dell’Apulia Film Fund, il fondo di finanziamento per l’audiovisivo gestito da Apulia Film Commission. Il report, realizzato da Bruno Zambardino e coordinato da Flavia Barca, analizza la proporzione tra contributo erogato e spesa sul territorio sostenuta dalle produzioni beneficiarie nei quattro anni di attività del fondo (2007-2010).

All’incontro, moderato da Luigi De Luca (vicepresidente di Apulia Film Commission), sono previsti gli interventi di Silvia Godelli (assessore regionale al Mediterraneo, Cultura e Turismo), Simona Manca (assessore alla cultura della Provincia di Lecce), Luciano Cariddi (Sindaco di Otranto), Silvio Maselli (direttore Apulia Film Commission), Flavia Barca (Fondazione Rosselli - Istituto di Economia dei Media), Anita Swara (Regio Fun) e Antonio Corvino (Confindustria Lecce e Osservatorio Banche Imprese).

Nel corso di pochi anni, AFC è diventata l’interlocutore unico per l’attivazione di interventi a favore dell’intero ecosistema audiovisivo pugliese, drenando e convogliando risorse provenienti da differenti fonti di finanziamento (ordinarie, nazionali e comunitarie). Cuore degli strumenti di sostegno è il Film Fund che viene erogato attraverso un bando che ha tre tranche annuali (sessioni del 31 gennaio, del 31 maggio e del 31 agosto). Al bando possono accedere le produzioni italiane, europee ed extraeuropee.

Si tratta di un fondo che vincola chi lo riceve a spendere sul territorio una somma pari al 200% del contributo e ad assumere il 35% di personale, da impiegare nel cast e nella troupe, nato o residente in Puglia. Impone obblighi temporali di durata minima delle riprese che variano a seconda della categoria a cui appartiene il prodotto. Inoltre, l’ultima condizione riguarda l’utilizzo di servizi di vitto e alloggio forniti da aziende aventi sede in Puglia, che deve essere osservata anche qualora le riprese abbiano luogo entro il raggio di 30 km dal confine pugliese. Questi vincoli di spesa territoriale garantiscono un ritorno economico decisivo ed evidente.

Per ogni euro ricevuto da AFC sotto forma di contributo, le produzioni ne hanno spesi più di sei sul territorio. Precisamente nel corso del quadriennio 2007-2010 la proporzione tra contributo regionale e spesa diretta è stata di 1:6,3. Complessivamente, in quattro anni di attività, Apulia Film Commission ha erogato risorse pari a 2 milioni e 848 mila euro, mentre le produzioni hanno speso in Puglia più di 11 milioni.

Un finanziamento di questo tipo produce almeno tre categorie di impatti economici, che lo studio analizza nel dettaglio: diretti (spesa sostenuta in loco), indiretti (generati dai movimenti economici delle imprese contattate dalle produzioni), e indotti di tipo economico (spese sostenute dalla forza lavoro locale). Senza considerare il contributo all’occupazione e la spinta alla microimpresa.

Positivo il dato pugliese dell’impatto indotto che è legato alla necessità da parte dei fornitori di beni e servizi, coinvolti dalle produzioni, di spendere a loro volta per soddisfare la domanda. Questo processo moltiplicativo e i suoi effetti sul tessuto economico locale sono stati studiati per stabilire un valore esatto del moltiplicatore, che permetta di quantificarne l’effetto. Per il sistema locale pugliese il moltiplicatore si attesta intorno a 2.

“Grazie al lavoro della Apulia film commission – precisa il direttore di Apulia Film Commission Silvio Maselli- , la produzione audiovisiva in Puglia, dunque, si presenta sotto forma di industria, capace di generare significativi impatti economici e occupazionali e non solo come semplice motore di promozione turistica. Industria matura, fatta di lavoro ad alta qualificazione e capace di mobilitare risorse fisiche e culturali di un territorio così fecondo e vivo da aver saputo cogliere l’occasione del proprio sviluppo locale. Solo così si spiegano risultati tanto brillanti, ottenuti in soli quattro anni”.

Tenendo conto esclusivamente dei contributi erogati tramite il Film Fund tra il 2007 e il 2010 (1,87 milioni di euro), nella regione sono state sostenute spese per un totale di 11,4 milioni di euro. Questa spesa ha dato origine ha un processo moltiplicativo per l’economia territoriale, generando un impatto doppio, pari a 34 milioni di euro.

E’ dunque evidente, già in base a questi dati, che l’attrazione di produzioni audiovisive sul territorio produce benefici economici la cui consistenza conferma la necessità di dirigersi al di là di una logica meramente assistenzialistica o ispirata ad un approccio esclusivamente cultural-oriented, valorizzando il settore come una vera e propria risorsa economica territoriale.

Bari, giovedì 1° ottobre 2011

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina