Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Rassegna stampa » Comunicati Stampa » Presentato al Cineporto di Lecce il documentario "Gitanistan"

Presentato al Cineporto di Lecce il documentario “Gitanistan”

PRESENTATO  AL CINEPORTO DI LECCE IL DOCUMENTARIO “GITANISTAN: – LO STATO IMMAGINARIO DELLE FAMIGLIE ROM-SALENTINE-” DI GIGI DE DONNO E CLAUDIO “CAVALLO” GIAGNOTTI, IN CORSO DI LAVORAZIONE IN SALENTO.
E’ stato presentato al Cineporto di Lecce “Gitanistan – Lo Stato immaginario delle famiglie rom-salentine” di Gigi De Donno e Claudio “Cavallo” Giagnotti. Il documentario, prodotto da Maxman Coop, in coproduzione con Freim Produzioni e Dilinò – Centro del mediterraneo, con il contributo della Fondazione Apulia Film Commission, è in corso di riprese in Salento tra Muro leccese, Sanarica, Taurisano, Martano, Scorrano, Gallipoli e Seclì.

L’opera di De Donno e Giagnotti vuole raccontare la storia di una “comunità invisibile” stabilitasi in Salento già dagli inizi del ‘800 che ha contribuito e contribuisce tuttora in maniera decisiva all’evoluzione culturale nonché alla conservazione e rinnovazione delle tradizioni salentine. Un comunità che si autodefinisce “invisibile” perché ormai da generazioni è totalmente integrata nel territorio pur mantenendo alcune usanze tipicamente rom come l’arte del ferro e dei suoi mestieri, l’allevamento il macello e la vendita di cavalli, l’abilità artistiche musicali.

All’incontro sono intervenuti i due registi, Luigi De Luca, vicepresidente di Apulia Film Commission, e Antonio De Marco, studioso e operatore culturale.
“Il progetto “Gitanistan” –ha precisato De Luca- non è solo un documentario, ma una ricerca più articolata. L’Apulia Film Commission ha accettato ben volentieri di sostenere questa avventura per almeno due motivi. Innanzitutto per il valore filmico perché da sempre guardiamo con attenzione non solo alle grandi produzioni nazionali e internazionali, ma soprattutto a quello che di buono nasce sul nostro territorio. L’altro motivo è che al di là del suo valore filmico, “Gitanistan” ha un significato politico molto importante: l’esperienza dei rom rappresenta una ferita ancora aperta e la dimostrazione che intorno al concetto di integrazione c’è ancora molta strada da percorrere”.

Giagnotti - leader dei Mascarimirì, coregista e produttore (con Dilinò) di “Gitanistan”-, ricordando che le origini delle sua famiglia sono rom, ha aggiunto: “In due anni e mezzo, abbiamo lavorato molto per cercato di entrare in queste famiglie che sono molto chiuse e riservate rispetto alle proprie origini. In questi giorni di riprese abbiamo incontrato e intervistato la mia famiglia, personaggi incredibili raccontando anche i disagi sociali che molte altre famiglie vivono. Un altro aspetto importante che continueremo ha studiare è rappresentato dalla lingua rom: dovrebbe essere studiata anche in collaborazione con l’Università del Salento”.
De Donno, invece, ha precisato che il documentario racconta soprattutto la storia di alcune delle più importanti famiglie rom che vivono in Salento: Dolce, D’amato, Rinaldi, Barbetta e Bevilacqua. “Le figure centrali della narrazione sono, oltre a Cavallo, suo nonno Giuseppe Rinaldi e suo zio Oronzo Rinaldi –spiega-. Giuseppe Rinaldi detto “Zeppu lu Zingaru” è stato quello che come carisma ha segnato il passaggio tra la classica famiglia rom e quella rom salentina, non perdendo però l’interpretazione rom delle tradizioni salentine. Molta importanza sarà data anche alla musica dei Mascarimirì e il loro ultimo album “Gitanistan”, colonna sonora naturale del documentario”.

De Marco, infine, ha ricordato com’è nato il progetto: “La mia ricerca è partita da una forte curiosità nata dalla presenza di una edicola votiva nel mio paese, Patù. Parlando con gli anziani abbiamo ricostruito la presenza dei rom intorno a quella edicola per commerciare, riparare le pentole in terracotta e vendere i ferri (realizzati dalle donne) per fare la pasta fatta in casa. Questi intrecci mi hanno incuriosito molto e hanno guidato la mia ricerca”.

17 Dicembre 2011

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 June 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 June 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 June 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina