Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Cinema in Puglia » Pag. 13

29 – LA LEGGE VIOLENTA DELLA SQUADRA ANTICRIMINE

29 – LA LEGGE VIOLENTA DELLA SQUADRA ANTICRIMINE di Stelvio Massi con John Saxon, Renzo Palmer, Lino Capolicchio, Rosanna Fratello (Italia 1976) – col. - 89’

 

Il capo della squadra anticrimine della Questura di Bari cerca di incastrare un boss della malavita facendo ricorso a metodi sbrigativi. Nel corso delle operazioni un fuorilegge cerca di sfruttare a suo vantaggio la situazione, ma il suo progetto non andrà a buon fine. Noto esempio di film “poliziottesco” italiano degli anni Settanta, stagione feconda per questo genere di film che si rifà molto alla lontana al crime-movie americano. Stelvio Massi fu regista specializzato in questo ramo, essendo autore, fra gli altri, di film come Squadra volante, Mark il poliziotto, Un poliziotto scomodo. La legge violenta della squadra anticrimine fu interamente girato a Bari, i cui esterni riprendono numerosi scorci cittadini, mentre per gli interni fu utilizzata la sede della “Gazzetta del Mezzogiorno”.

(v. att.)


28 – LA COMPAGNA DI BANCO

28 – LA COMPAGNA DI BANCO di Mariano Laurenti con Lilli Carati, Lino Banfi, Alvaro Vitali, Gianfranco D’Angelo, Francesca Romana Coluzzi (Italia 1976) – col. - 85’

 

Simona, figlia di un ricco industriale, frequenta l’ultimo anno di liceo in un Istituto scolastico di Trani. Di lei si innamora Mario, suscitando l’invidia delle altre ragazze, le quali convincono Simona che il suo spasimante è un rubacuori che, dopo averle conquistate, è solito “mollare” le sue ragazze. Il film, girato a Trani sempre per la casa Dania, si allinea al modello del precedente Classe mista molto in voga nel decennio. Mariano Laurenti si avvalse anche in questa occasione di un gruppo di attori che sarebbero diventati incontrastati protagonisti della commedia sexy degli anni Settanta.

(v. att.)


27 – CLASSE MISTA

27 – CLASSE MISTA di Mariano Laurenti con Dagmar Lassander, Femi Benussi, Alvaro Vitali, Gianfranco D’Angelo (Italia 1975) col. – 90’

 

In un liceo di Trani insegna una professoressa di lettere, di cui si innamora Felice. Questi, accortosi della indifferenza della donna nei suoi confronti, si consola con la zia venuta dal Nord. L’occasione per stringere rapporti con la professoressa si offrirà quando l’uno e l’altra saranno vittime di un sequestro di persona e segregati in un trullo. Commedia sexy nel cui ramo si era specializzata la casa produttrice pugliese Dania, che in questo campo realizzò una piccola serie fortunata di commedie leggere a metà degli anni Settanta. Alcuni di questi film furono diretti da Mariano Laurenti, regista specializzato in questo genere “posciadistico”, del quale si ricordano, fra i tanti film da lui girati, Quel gran pezzo dell’Ubalda tutta nuda e tutta calda,  e poi, nel ramo “scolastico” La compagna di banco, Classe mista, L’insegnante va in vacanza, La liceale seduce i professori, Pierino torna a scuola. Classe mista fu girato a Trani.

(v. att.)


26 – FLAVIA, LA MONACA MUSULMANA

26 – FLAVIA, LA MONACA MUSULMANA di Gianfranco Mingozzi con Florinda Bolkan, Maria Casarès, Claudio Cassinelli, Laura De Marchi (Italia 1974) – col – 100’

 

Per risentimento verso la famiglia che l’ha costretta a prendere i voti, Flavia si allea con Achmed, capo delle truppe musulmane che sul finire del quindicesimo secolo sbarcarono a Otranto mettendola a ferro e fuoco. Ma quando i saraceni ritornano in patria, Flavia è abbandonata alla vendetta della sua gente come “collaborazionista”. Il sacco di Otranto con i suoi martiri cristiani costituisce lo sfondo storico di questo film il cui personaggio centrale si ispira all’ideologia femminista ampiamente dibattuta in quegli anni. Gianfranco Mingozzi, regista di vasta esperienza nel campo del documentario, autore anche di pregevoli film come Sequestro di persona, La vela incantata, Il frullo del passero, è noto particolarmente per Flavia, la monaca musulmana girato a Trani e Ostuni.

(v. att.)


25 – BIANCHI CAVALLI D’AGOSTO

25 – BIANCHI CAVALLI D’AGOSTO di Raimondo Del Balzo con Renato Cestiè, Jean Seberg, Frederick Stafford, Ciccio Ingrassia – (Italia 1974) col. – 95’

 

Il piccolo Barny si reca con i genitori sul Gargano per trascorrervi le vacanze estive. Qui stringe amicizia con Pasqualino, inserviente dell’albergo dove alloggia con la famiglia. La crisi matrimoniale dei genitori, che per questo motivo trascurano il figlioletto, si ricomporrà quando un brutto incidente metterà in pericolo la vita di Barny. Classico film sull’infanzia, Bianchi cavalli d’agosto fu realizzato in un periodo in cui questo genere cinematografico stava avendo un suo piccolo revival, grazie anche al regista di questo film, Raimondo Del Balzo, che aveva già realizzato Ultima neve di primavera, girato l’anno prima, e successivamente avrebbe firmato Prime foglie d’autunno. Il film fu ambientato a Pugnochiuso, di cui sono felicemente rappresentati gli splendidi paesaggi naturali.

(v. att.)


24 – ALLONSANFAN

24 – ALLONSANFAN di Paolo e Vittorio Taviani con Marcello Mastroianni, Lea Massari, Mimsy Farmer, Claudio Cassinelli (Italia 1974) – col. – 115’

 

Nel clima della Restaurazione conseguente al congresso di Vienna, il nobile Fulvio Imbriani, che aveva abbracciato la causa rivoluzionaria, da ex giacobino ed ex ufficiale napoleonico finisce col tradire ripetutamente quelli che furono suoi compagni di lotta e la causa della rivoluzione neogiacobina. Grande affresco storico sull’Italia del primo Ottocento, il film dei fratelli Taviani (Padre padrone, Il prato, La notte di San Lorenzo), fra i maggiori e più noti registi italiani, dopo l’analogo San Michele aveva un gallo girato qualche anno prima, costituì una svolta nella rappresentazione del passato del nostro Paese. Girato spesso in ariosi esterni sullo sfondo di bellissimi paesaggi, Allonsanfan, per qualche scena ebbe come set alcune località dell’agro della Murgia.

(v. att.) 


23 – IL SAPROFITA

23 – IL SAPROFITA di Sergio Nasca con Al Claver, Valeria Moriconi, Leopoldo Trieste (Italia 1973, col. 100’)

 

Come l’organismo vegetale omonimo, così l’ex seminarista di estrazione borghese, cresciuto nell’ ambiente in decomposizione di una famiglia allo sfascio di una cittadina meridionale (che è poi la brindisina Ostuni) fa presto a trasformarsi in magnaccia e assassino. Il film segna l’esordio di Sergio Nasca, che viene dal clan di Bellocchio (e si vede) con l’ansia di profanare la famiglia e di contestare l’educazione clericale.

(a. m.)


22 – POLVERE DI STELLE

22 – POLVERE DI STELLE di Alberto Sordi con Monica Vitti, Alberto Sordi, John Philip Law (Italia 1973) – col. – 140’

 

Nell’immediato dopoguerra una piccola compagnia teatrale di avanspettacolo, capeggiata da Mimmo Adami e Dea Dani, è alla continua ricerca di una scrittura presso qualche teatrino di provincia. La grande occasione viene loro con l’invito a rappresentare, al Teatro Petruzzelli di Bari, uno spettacolo destinato alle forze armate alleate appena sbarcate in Italia. Il successo fa nascere la speranza, subito delusa, di poter proseguire con ingaggi sempre più grossi. Per il suo sesto film come regista Alberto Sordi scelse un soggetto che gli offrì l’occasione per descrivere una delle forme di intrattenimento più popolari, l’avanspettacolo appunto, che ebbe larga diffusione negli anni Quaranta e Cinquanta e che fu il trampolino di lancio per molti nostri attori comici. Secondo il copione le scene relative alla rappresentazione teatrale furono girate nel teatro Petruzzelli, che poco meno di vent’anni dopo sarebbe stato distrutto dalle fiamme, sicché il film di Sordi è, con Giselle e Il giovane Toscanini, una preziosa testimonianza del teatro barese.

(v. att.)


21 – NON SI SEVIZIA UN PAPERINO

21 – NON SI SEVIZIA UN PAPERINO di Lucio Fulci con Tomas Milian, Florinda Bolkan, Irene Papas (Italia 1972, col, 110’)

 

Nei titoli di coda non figura nemmeno la citazione della location della cittadina garganica di Monte S. Angelo, un luogo che ben si prestava per ambientare a una storia di sottocultura superstiziosa tra donne dissolute, fattucchiere, pedofili e serial killer. A girare questa pellicola rurale in chiave antropologica è il prolifico e poliedrico artista romano Lucio Fulci (1927 – 1996) che ha attraversato a passo di carica quattro decenni di cinematografia “minore” all’insegna di un gusto barocco e survoltato che resta un po’ la sua cifra. Il film è anche il primo prodotto dalla casa di produzione Medusa film.

(a. m.)


Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 Giugno 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 Giugno 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 Giugno 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina