Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Cinema in Puglia » Pag. 3

119-IL PASSATO E’ UNA TERRA STRANIERA

IL PASSATO E’ UNA TERRA STRANIERA di Daniele Vicari con Elio Germano e Michele Riondino

Due giovani appartenenti a differenti classi sociali e a diversa educazione si legano d’amicizia. Il legame ha conseguenze negative sul più sprovveduto dei due, affascinato dalla spavalda sicurezza dell’altro nell’affrontare la vita nei suoi aspetti più crudi, cui viene iniziato al prezzo della rinuncia agli agi della sua famiglia e discendendo i gradini scivolosi di avventure oltre il confine del lecito. Il film è tratto dal romanzo omonimo di Gianrico Carofiglio e indaga sugli ambienti più pericolosi del capoluogo pugliese offrendo una piccola galleria di personaggi ambigui e sfuggenti. Il regista, nonostante la sua diversa origine, riesce a cogliere con acutezza il carattere di una città come Bari, dove il film è prevalentemente ambientato (salvo una parentesi a Barcellona), offrendone un ritratto insolito e puntuale.
(v. att.)


118-GALANTUOMINI

GALANTUOMINI di Edoardo Winspeare con Fabrizio Gifuni e Donatella Finocchiaro

Storia di un difficile amore, quello fra un magistrato e una donna a capo di un gruppo di fuorilegge di provincia. Il legame fra i due si rinsalda quando, anni dopo un lungo soggiorno al Nord, il giudice ritorna nella sua terra natale, il Salento e vi ritrova lei, che fu sua compagna d’infanzia, della quale era stato sempre innamorato. Contrasti sentimentali e sociali si intrecciano in questo melodramma dai forti colori, basato sui sentimenti in lotta col dovere. Il film è il quarto di Edoardo Winspeare e, come i precedenti, ha il Sud come scenario anche ideale. Il paesaggio salentino fa da sfondo al film, che ne coglie con partecipe adesione gli umori e la luminosa presenza, nonostante la materia dura di un amore insolito quanto tenace. Premio per la migliore interpretazione femminile alla Finocchiaro presso il Festival del Film di Roma 2008 e grande successo di critica.
(v. att.)


117 - BACHA AE HASEENO

BACHNA AE HASEENO (t.l. Belle ragazze attente) di Siddharth Anand con Ranbir Kapoor, Minissha Lamba, Deepika Padukone – India 2008

Il film racconta la giovinezza di Raj Sharma nell’arco di un quindicennio circa, dai diciassette ai trenta anni. Lungo le sue peregrinazioni il giovane fa diversi incontri, i più importanti dei quali riguardano tre donne: la prima è Radhica Mahl, una ragazza affascinante di Mumbai, la seconda è Mahi, che vive in una cittadina del Punjab e infine Gahiatri una giovane indiana residente in Australia. Poiché il protagonista, Ranbir Kapoor, è un famoso attore-cantante molto amato dal pubblico indiano, Belle ragazze attente concede grande spazio ai numeri musicali, sì da farne un vero e proprio musical targato Bollywood. Altra particolarità del film è costituita dai vari luoghi in cui sono ambientate le diverse fasi della giovinezza del protagonista, fuori dei confini indiani. Fra queste ci sono tre località pugliesi: la Baia delle Zagare a Mattinata, Alberobello e Santa Cesarea Terme.
(v. att.)


116 - IL CAPO DELL’ANNO

IL CAPO DELL’ANNO di Mario Giammaria con Antonio Lovreglio, Mina Petrosillo. Rosanna Stea – Prod. “Diamond Film” – Italia 2008

Il film, di produzione indipendente, è ambientato a Bari negli anni Sessanta e ha per protagonista un giovane che vive ai margini della società. Il fratello tenta in ogni modo di sottrarlo al peggio, ma i suoi sforzi si riveleranno all’inizio vani e non riusciranno ad evitare la sua discesa sempre più in basso, fino a quando avrà un’occasione di riscatto. “Nel film, ha detto l’autore, c’è un grande messaggio di positività che si concretizza proprio partendo dalla negatività che il personaggio vive nella prima parte della sua esistenza”. Il capo dell’anno si ispira a fatti veri che fanno parte della vita personale dello stesso regista, il quale ha affidato alcuni ruoli alle stesse persone che nella realtà hanno condiviso la sua stessa drammatica esperienza. Il film è stato girato interamente in alcune fra le periferie più degradate di Bari.
(v. att.)


115 - QUI A MANDURIA TUTTO BENE

QUI A MANDURIA TUTTO BENE di Enzo Pisconti con Giusy Frallonardo, Umberto Sardella, Teodosio Barresi, Lilia Pierno – Prod. “Venti d’Arte” onlus – Italia 2008

Film di produzione indipendente, realizzato con fondi privati, da Enzo Pisconti, che ha realizzato in precedenza alcuni programmi per televisioni private. Il film è centrato sul personaggio di Enzo, interpretato dallo stesso Pisconti, la cui vita scorre tranquilla nonostante qualche litigio con la moglie e la suocera. Enzo spera di vedere pubblicato un giorno il romanzo che sta scrivendo, ma frattanto dovrà accettare di lavorare come rappresentante di una ditta di carta igienica. Dopo vani tentativi di piazzare il prodotto da lui propagandato l’incontro provvidenziale con un cliente misterioso che acquista l’intera partita di carta igienica sistemerà la sua posizione. Interamente girato, come dice il titolo, a Manduria e nei centri vicini, il film è sceneggiato, insieme col regista, da Mauro Cappelloni e Elide Cortesi. Operatore è Giuseppe Mariggio.
(v. att.)


114- FINE PENA MAI

FINE PENA MAI di Davide Barletti e Lorenzo Conte con Claudio Santamaria, Valentina Cervi, Daniele Pilli, Giorgio Caroccia.

Fine pena mai è stato diretto in tandem da Davide Barletti e Lorenzo Conte (animatori, insieme con Edoardo Cicchetti e Mattia Mariani di “Fluid Video Crew”, casa di produzione di corti, video e documentari). Per questo film essi si sono ispirati ad un libro autobiografico scritto da Antonio Perrone, Vista d’interni. Fine pena mai è infatti la storia di un fuorilegge del Sud il cui campo d’azione è costituito da alcuni piccoli centri del Salento, di cui il film sottolinea il tipico paesaggio mediterraneo in singolare contrasto con lo sfondo criminoso che ne caratterizza la trama: infatti il film è stato interamente girato nei luoghi dell’azione. Fine pena mai è un film che dà un ritratto inedito di un fenomeno delinquenziale del Sud, il cui merito è anche quello di averne centrato lo svolgimento sul personaggio principale, descrivendone la progressiva carriera criminosa culminata con l’ingresso nella Sacra Corona Unita.
(v. att.)


113 MANUALE D’AMORE 2 – CAPITOLI SUCCESSIVI

113 MANUALE D’AMORE 2 – CAPITOLI SUCCESSIVI di Giovanni Veronesi con Monica Bellucci, Riccardo Scamarcio, Fabio Volo, Barbora Bobulova, Antonio Albanese, Sergio Rubini, Carlo Verdone (Italia 2007) col. – 121’

Manuale d’amore 2 è costituito da quattro episodi (Eros, Maternità, Il matrimonio e L’amore estremo) e ripropone la formula del precedente primo Manuale d’amore dello stesso Giovanni Veronesi. Entrambi sono stati grandi successi di pubblico dopo gli insuccessi dei film precedenti del regista (Marameo, Silenzio si nasce, Il mio west). Dei quattro episodi che fanno parte di questo secondo capitolo del Manuale, Il matrimonio è interamente girato a Lecce, riconoscibile per la sua inconfondibile fisionomia. Vi si narra di due giovani, Fosco e Filippo, entrambi decisi a sposarsi in Spagna (dove è consentita l’unione fra gay). Durante la breve permanenza nella città salentina essi hanno modo di scontrarsi con i familiari di Filippo nonché fra di loro. In chiave di commedia di costume Manuale d’amore 2 - Capitoli successivi si propone di rappresentare alcuni aspetti paradossali dell’attuale società italiana.
(v. att.)


112 – MIO FRATELLO E’ FIGLIO UNICO

112 – MIO FRATELLO E’ FIGLIO UNICO di Daniele Luchetti con Elio Germano, Riccardo Scamarcio, Angela Finocchiaro, Luca Zingaretti, Anna Bonaiuto (Italia 2007) – col. – 100’

I fratelli Accio e Manrico, appartenenti ad una modesta famiglia di provincia, hanno caratteri diametralmente opposti, soprattutto per quanto riguarda gli orientamenti politici: l’uno è infatti militante della sinistra, mentre l’altro è estremista di destra. Ambedue si innamorano della stessa ragazza. Nonostante le apparenze però, si scopriranno più vicini di quanto pensassero. Il film propone un aspetto della vita sociale e politica della nostra provincia durante gli anni Settanta in una chiave che sta fra l’impegno politico e la storia di un’educazione sentimentale, facendo leva su un gruppo di attori affiatati (Riccardo Scamarcio nel ruolo di Manrico è nativo della provincia di Bari). Mio fratello è figlio unico è fra i film di maggiore successo del recente cinema italiano, diretto da Daniele Luchetti, regista che ha all’attivo alcune pregevoli opere (La scuola, Il portaborsei). Sebbene ambientato in una cittadina laziale, il film è stato girato a Foggia.
(v. att.)


111 – LA DUCHESSA DI LANGEAIS

111 – LA DUCHESSA DI LANGEAIS (Ne touché pas la hache) di Jacques Rivette con Jeanne Balibar, Guillaume Depardieu, Michel Piccoli, Bulle Ogier – (Francia-Italia 2007) col. – 137’

Il generale Armand de Montriveau, arriva su un’isola spagnola per ristabilire l’autorità di Ferdinando VII. Qui scopre che la Antoinette de Navarreins, duchessa di Langeais, un tempo amante della bella vita e da lui follemente amata, ha preso i voti e si è ritirata in un monastero di clausura. Il film è diretto da uno dei maggiori registi francesi della nouvelle vague degli anni Sessanta, Jacques Rivette, autore di molti film fra cui ricorderemo Susanna Simonin la religiosa, La bella scontrosa, Giovanna d’Arco. La duchessa di Langeais è la trasposizione cinematografica del romanzo omonimo di Balzac, realizzata con puntuale aderenza al testo e con una sfarzosa messa in scena. Le parti iniziali e quelle conclusive furono girate alle Isole Tremiti, di cui il film coglie tutta la solenne e scabra bellezza.
(v. att.)


Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 Giugno 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 Giugno 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 Giugno 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina