Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Diario » Pag. 53

Un anno fa

04 07 08 @ 10:41  silvio.maselli

Un anno fa, il 2 luglio 2007, ho cominciato l’avventura Afc. E’ volato quest’anno eppure di cose ne abbiam fatte. In questi giorni stiamo seguendo 7 film, stiamo valutando 35 domande di finanziamento sul film fund, stiamo lavorando con Berlino e Londra, siamo connessi a 4 network internazionali, prepariamo un forum di coproduzione con la Copeam, prepariamo una guida (non posso dire di più…), aspettiamo Venezia facendo il tifo per il nostro cinema pugliese, lavoriamo agli Apulia Audiovisual Workshops di ottobre, al Progetto Memoria, appaltiamo i Cineporti di Bari e Lecce oltre alla gara della comunicazione, scriviamo i Por (e i progetti) del futuro, collaboriamo a scrivere progetti con diversi assessorati e mille altre cose. Troppe, forse, per una struttura di quattro persone operative.

Ma ieri sera ho capito che quel che facciamo lo sappiamo fare bene. Siam stati tutta la giornata con un famoso e importante regista serbo. Lo abbiamo coccolato e rispettato. Qui, in Puglia, si sentono tutti a casa. E’ facile fare la nostra parte.  La Puglia è tutta da girare. L’avevamo detto e lo stiamo facendo.

Nota. Prima o poi dovremo valutare gli impatti economici. Penso che quando tutti si renderanno conto che un film inquina meno di una qualunque fabbrichetta e produce molto di più, allora si, inizieremo a ragionare…


Gli Incontri

27 05 08 @ 09:18  silvio.maselli

Se c’è una cosa che di questo nostro lavoro è affascinante davvero, è la possibilità di connettere la Puglia al mondo. L’eseperienza di Cannes è stata incredibile: in tre giorni ho conosciuto colleghi di mezzo mondo e con alcuni di loro siamo in connessione, ora, per progettare insieme.
Le altre volte in cui son stato a Cannes non è stato così: potenza del ruolo?
Prima o poi dovrei approfondire il tema del potere.

Oggi in serata, intanto, con il Presidente, Oscar e l’Assessore Godelli incontriamo questo signore
qui:

Osvaldo De Santis
Amministratore Delegato Produzione e Distribuzione Twentieth Century Fox Italia

Nato a Roma nel 1950, a 23 anni comincia la sua esperienza professionale presso la casa di distribuzione Panta Cinematografica. Subito dopo passa alla Cinema International Corporation (oggi UIP), nell¹area ufficio stampa e pubblicità.

Nel 1976 viene chiamato dalla United Artists sempre in ambito ufficio stampa e pubblicità, dove sviluppa i suoi rapporti con il mondo cinematografico d’oltreoceano e con quello italiano. Inoltre, crea in quegli anni per la United Artists una serie di campagne pubblicitarie utilizzate anche in Paesi esteri.

Nel 1981 viene chiamato dalla Twentieth Century Fox a dirigere l’ufficio Marketing. Anche qui prosegue lo sviluppo di campagne pubblicitarie per l’Italia e per l’estero. Nel 1983 gli si offre la possibilità di trasferirsi a Londra per dirigere l’ufficio europeo Marketing della Fox. Nel 1989, in seguito ad una joint venture Fox e Orion, apre a Roma un’agenzia di pubblicità. Intanto, nel 1991 gli viene offerta dalla Twentieth Century Fox la posizione di Amministratore Delegato.

Giornalista pubblicista dal 1979, ha scritto di cinema e marketing per giornali come “TV Sorrisi e Canzoni”, “Ciak” e “Media Key”. Docente di “Magica”, il Master della Comunicazione dello Spettacolo, negli ultimi anni ha tenuto seminari sul marketing dello spettacolo presso la Facoltà di Scienze delle Comunicazioni dell’Università La Sapienza di Roma.

Nel gennaio 2004 è stato chiamato con decreto ministeriale a far parte del Comitato Cultura del Ministero delle Politiche Comunitarie.

Attualmente, dopo aver ricoperto la carica di Direttore generale di Sky Italia, è amministratore delegato di produzione e distribuzione della Twentieth Century Fox Italia.

Ho mille idee da proporgli, mille. Forse più.
Vediamo…


AFC in Biennale

26 05 08 @ 12:28  raffaella.delvecchio

Da Giovedì, vivo in Fiera per la Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo.
Solo oggi rientro in ufficio, per poco e intensamente, dopo aver trascorso gli ultimi 4 giorni a far su e giù da e verso la Fontana.
My video doesn’t work, can you help me?
Fa caldo, mentre incontravamo gli artisti di Images on The Move il sole ha deciso di ustionare il mio collo ed io sorridevo ai giovani amici, con circa 400° gradi addosso.
Dov’è Foille, quando serve?
Shukran
Il workshop è partito, grandissimo interesse ed entusiasmo, persino il giovane amico serbo ha deciso di partecipare, nonostante un certo scetticismo iniziale.
Kako je da pricas srpski?
Daniele ha un telefonino che funziona a singhiozzo ma, con la forza del pensiero siamo sempre in comunicazione.
Hablas espanol?”
Francesco, il tecnico conosciuto per occuparsi di Palazzo del Cinema, sorride fuma e ogni tanto si perde per i padiglioni.
Alla mensa c’è sempre una super fila, fumo come una ciminiera e il pass al collo ci rende tutti solidali.
Che bella situazione. Sto a due passi dal mare
Gli addetti alla security sono gentilissimi, esausti come tutti noi ma, sempre disponibili.
Gli uffici di Biennale sono lo stomaco dell’evento, le radio squittiscono in continuazione e cerchiamo tutti di mantenere la calma, nonostante la tensione.
Questa settimana, Coordinator per Biennale.
Venite a Palazzo del Cinema: I cortometraggi selezionati sono bellissimi, i cinegiornali quotidiani della crew di Accademia del Cinema dei Ragazzi sono grandiosi.
Dei ragazzi hanno organizzato una music bench con la quale passeggiano per la Fiera mandando musica techno ad altissimo volume. Ieri pomeriggio, ballavamo tutti sulle scale di Palazzo del Cinema, mentre il sole tramontava.

Sino al 31 Maggio c’è un’energia speciale a Bari, imperdibile.


Tornare

22 05 08 @ 02:55  silvio.maselli

Una settimana fuori. Pesante. Un tempo mi divertiva, ma così è stancante perché è un continuo stop&go. Meno male c’è lalla a coprire ogni falla. E la tecnologia fa il resto. Bucarest, dapprima, per l’assemblea annuale del Copeam, la conferenza permanente delle tv del mediterraneo di cui siamo diventati soci da poco. Bucarest è una brutta città, a tratti anche pericolosa. La compagnia abbastanza eterogena, anche se prevalentemente francofona. Dentro ci sono i mondi colonizzati dalla Francia in larga prevalenza. Però tutti ormai, bene o male parlano inglese. E questo aiuta. Con me c’è anche Gigi De Luca, il nostro vicepresidente. Lì a rappresentare l’istituto per la cultura del mediterraneo. Bella invenzione salentina. Si sa, son bravi.
Decidiamo che a luglio si farà a Lecce una versione beta del forum di coproduzione con produttori tv e responsabili palinsesto. Se funziona, lo rifacciamo in Fiera a Bari a settembre. A cena una delle sere capitiamo nel caveau della Banca nazionale. Assurdo. Un ragazzo bravissimo suona uno Stradivari. Non m’era mai capitato: quel violino ha un suono meraviglioso.
Una delle ragazze dello staff di Copeam è pugliese. Come sempre siamo ovunque, con lo stesso talento che riconosco in tutta la mia generazione.
E’ incredibile: il meglio che il mondo offre oggi, ha meno di 40 anni (e spesso è donna). E non conta nulla. Però è dietro ogni grande cosa.
Domenica arrivo a Cannes. Delirio cannense alla sua potenza più estrema. Il solito viavai micidiale, questo non è un posto per lenti: si deve correre maledettamente e fare tanti chilometri a piedi.
La prima volta che venni qui per lavoro fu l’anno di Respiro alla Semaine. Lavoravo allora nello staff di comunicazione e produzione di Fandango. Alla fine della settimana tornai a Roma con le bolle alle mani per il nervoso: lanciare un film a Cannes richiede davvero una pazienza infinita e tanto lavoro.
Ora son qui per varie ragioni. La prima è per partecipare all’annual meeting di Cine-Regio, il network di fondi regionali europei. Molto utile, un sacco di idee e conoscenze. I biglietti da visita girano a velocità considerevoli. A fine riunione, vado a vedere i Ministri della cultura europei con la commissaria del programma Media, la madre di tutti i fondi comunitari per l’audiovisivo. Poi festa del Film London, nostri colleghi londinesi. Bellissima festa, un sacco di gente. Parlo con il capo dell’ufficio ricerca e statistica di Uk Film Council di sistemi di rilevazione econometria degli impatti. Dovremmo farlo anche noi, magari con le nostre Università.
Parlo poi con un giovane produttore indipendente newyorkese e con una giovane regista che presenta il suo film al mercato domani. Figa pure lei. Da NY pure lei. Business card di nuovo. E’ il mondo delle occasioni, ma è tanto tutto troppo faticoso e costoso. Però non c’è posto meglio di questo per fare quel che facciamo noi. Cioé per avere contatti col mondo. E portarlo a casa nostra.
La sera prima non sono riuscito a entrare in sala premiére, nonostante avessi l’invito dei miei vecchi colleghi, perché non ho le scarpe giuste. Ho abito nero, camicia bianca, papillon ma quelle barefoot ai piedi, comprate a newyork appunto, con lacci e bordi bianchi, non vanno bene. Bodyguard del cazzo. Fortuna il film lo vedo la mattina dopo con l’accredito. Fottetevi, francesi de merd.
La sera dell’altro ieri la passo con gli amici albanesi, Ilir e compagnia. Uno dirige il centro nazionale di cinema, l’altro il festival di Tirana. Ci devo andare. Mi presentano Goran Paskaljevic. Che onore, che grande regista.
Parliamo del suo prossimo film, lo vuol girare per qualche giorno anche da noi in Puglia. Magie di Cannes e della rete che stiamo tessendo.
Martedì giornata internazionale. Avrò parlato con dieci persone di altrettanti paesi. Mi domando però, quando non esisteva l’inglese uno come me come faceva a parlare con gli altri? E’ davvero un mondo stupendo nelle sue enormi contraddizioni e ingiustizie. Ma è tutto così facile oggi.
Tra le cose più utili incontro Thierry, un berlinese che si occupa di finanza per l’audiovisivo. Lo porto a Bari a metà giugno per una riunione con i nostri consulenti. Il fondo è il futuro porca miseria.
E poi Daniela, una signora tedesca che ha superato la metà. Lavora per Film London. La sera prima l’avevo conosciuta alla festa. Cannes è così. Dai un biglietto da visita, scambi due parole magari intelligenti e quelli ti chiamano davvero. Facciamo insieme un progetto finanziato EU, che consiste nel travasare competenze con loro e l’India. Mica male.
L’ultima sera incontro due importanti registi italiani. Entrambi hanno film da fare e cerco di farglieli fare in Puglia. C’è da lottare, ma si può fare.
A sera tarda festa di Taiwan. Sono stupendi. Degli entusiasti di natura. Ragazze meravigliose in abiti strafighi. Vedova come se piovesse. Mi sono un po’ alleggerito dei pesi. Parlo molto con Alberto La Monica, idee, sogni, difesa di quanto conquistato. E’ uno di noi. Mille flash mi attraggono: c’è Wim Wenders lì, a due metri da me. Ha una specie di frack informale verdone, con occhiali rossi, capelli lunghissimi sale pepe e all star ai piedi. E’ troppo ganzo. Sento di avere la certezza che lui, scarpe uguali alle mie, lo avrebbero fatto entrare alla premiére…
Ora però devo solo dormire. E tanto.


Ogni tanto

15 04 08 @ 12:21  silvio.maselli

Ogni tanto una soddisfazione…

Ricevo questa email da un regista beneficiario di contributo di film fund. Certo, è uno di parte. Ma se non altro fa piacere ricevere la sua email e condividerla.

Faticosamente, andiamo avanti.

Gentile Direttore,
apprendo con grande piacere la notizia della selezione del mio fim “La legge” tra i progetti finanziabili dalla vostra Fondazione.
E con grande soddisfazione accolgo il giudizio positivo e i preziosi consigli inseriti nella motivazione.
Esprimo la mia gratitudine nei confronti dei membri della Commissione, e il mio compiacimento per la qualità del bando e delle procedure adottate dalla vostra Film Commission.
In attesa di iniziare una proficua collaborazione, la saluto cordialmente.
Giuseppe Petitto.

Backstage #11

13 04 08 @ 07:24  silvio.maselli

Ieri notte porto il cane a prendere aria.
E’ felice di rivedermi il mio cane.
Fa tutto quel che deve.
Raccolgo felice di essere un padrone civile.
Incrocio un giovane pelato con pittbull d’ordinanza.
Anche il pittbull fa quel che deve.
Ma il padrone non raccoglie.

Allora gli dico scioccamente felice “ehi, che non raccogli?” e gli mostro il mio trofeo imbustato pronto per essere immesso in discarica.

E lui ostile fa: “fatt l’ cazz tu“.

M’ha gelato.

Sarà stata l’ora tarda, il troppo vino, la stanchezza di una settimana che faccio fatica a ritenere normale, sarà tutto quello che vuoi, ma così non si può vivere. Questo sud, questa Puglia peggiore mi fanno schifo.

E la colpa è di tutti e di nessuno.

Perché sono troppo pochi a fare quel che devono.

E sono andato a letto triste e demoralizzato. Questo Paese non si salverà disse qualcuno di molto importante anni fa. E non fece una bella fine.

Dopo aver fatto il mio diritto/dovere di elettore cittadino dunque, stamani, ho ripreso un vecchio disco con il discorso di Don Tonino Bello ai politici. Ve lo ricordate voi Don Tonino?

Ebbene lui dice tre cose ai politici, da Vescovo molfettese moooolto atipico.

Dice che il politico deve inseguire tre virtù:

la Sobrietà, nel senso di non essere ebbri, ubriachi di potere.

Giustizia, nel senso più vero di cercare la solidarietà, parola in disuso allora come oggi, cioè far si che tutti si occupino di tutti.

Pietà. Per l’uomo. E disprezzo per la pietra. Dice Don Tonino, cioè, di non rivolgere attenzione alle realizzazioni materiali, ma di creare la casa per l’uomo più che dell’uomo.

E allora ho ripensato alla mia di settimana.

Io che penso che il miglior modo per vincere le elezioni sia di governare bene.

Quando governi.

E di fare bene il politico.

Quando non governi.

Sto qui a scrivere in ufficio questo blog la sera di una domenica elettorale.

E penso al futuro.

E a quanto è difficile decidere un film fund.

E a quanto è importante sta benedetta film commission.

E a quanto si deve essere saggi e attenti.

E a quanta fatica c’è dietro quel dovere che mi attanaglia.

E a quanto altri se ne fottano del tuo dovere.

E a quanto è difficile restar diritti in questo mondo di “dritti”.

E mo me ne vado a cinema.


Quel che abbiamo fatto, quel che faremo

01 04 08 @ 10:10  silvio.maselli

Prevista dalla legge regionale n.6/2004 la AFC nasce il 2 luglio 2007 con il compito di attrarre investimenti nel settore dell’audiovisivo offrendo servizi gratuiti alle produzioni e agli autori, erogando contributi (Film Fund), coordinando le attività della filiera (produzione, marketing, esercizio cinematografico, conservazione patrimonio audiovisivo, ecc.).

Con circa 1.000.000 € di budget, il suo scopo, dunque, è duplice: rafforzare l’identità e la cultura cinematografica e audiovisiva regionali; creare un’industria dell’audiovisivo sviluppando ogni aspetto della filiera avendo cura di aumentarne gli impatti economici.

Cinema come nuova forma di sviluppo locale: dalle ciminiere alla soft economy.

Oggi AFC fa parte del network europeo di Fondi regionali per l’audiovisivo (Cine-Regio), della AFCI – Associazione delle Film Commission mondiali, del coordinamento delle film commission italiane e partecipa stabilmente ai tavoli ministeriali di concertazione delle politiche di settore.

Nel 2007, per un totale di soli 220.000 € sono stati finanziati e assistiti i seguenti 11 film:

Non ti voltare – di Marina De Van, con Monica Bellucci, Sophie Marceau.
Il passato è una terra straniera – di Daniele Vicari, con Elio Germano, Chiara Caselli.
Focaccia Blues – di Nico Cirasola, con Lino Banfi, Michele Placido, Renzo Arbore, ecc.
Galantuomini – di Edoardo Winspeare, con Fabrizio Gifuni, Donatella Finocchiaro.
Fine pena mai – di Davide Barletti e Lorenzo Conte, con Claudio Santamaria, Valentina Cervi.
Pane e libertà – Vita di Giuseppe Di Vittorio – di Alberto Negrin, con Pierfrancesco Favino.
There was no other way – di Stavros Psillakis
Piede di Dio – di Luigi Sardiello, con Emilio Solfrizzi, Filippo Puccillo, ecc.
La bambina che non rideva mai – di CNC, con vari attori minori.
Prime Time – di Frederic Massot, con vari attori minori.
Gino Boccasile – di Mediterranea Film, con vari attori.

Nel 2008 nasce il FILM FUND. Un fondo di sostegno regionale all’audiovisivo sul modello di altre regioni europee. 450.000 € in tre tranche a disposizione delle produzioni che si impegnino a girare almeno 2 settimane in Puglia, ad assumere almeno il 30% di troupe e a spendere almeno il 150% del contributo ottenuto in regione.

Alla prima chiamata rispondono ben 45 produzioni con richieste di contributo per:

- 8 lungometraggi

- 21 documentari

- 14 cortometraggi

- 1 videogame

Se si gireranno tutti, entro l’estate 2008, impegneranno sul territorio pugliese 4,5 Milioni di Euro. La loro richiesta alla AFC è di 1.690.000 €. Il loro impegno finanziario complessivo è di circa 9 MEuro. Entro la metà di aprile il CdA comunicherà i progetti beneficiari di contributo.

Il prossimo bando scade a maggio per le produzioni estive.

Il 26 marzo 2008 viene sottoscritta una convenzione tra AFC, Fiera del Levante, Provincia di Lecce e Regione Puglia per la gestione dell’Accordo di Programma Quadro “Sensi Contemporanei” che prevede la realizzazione dei seguenti progetti:

1.CASA DEL CINEMA e CINEPORTO a Bari, in Fiera del Levante padiglione 180. Entro dicembre 2008.
1.200 mq di spazi interamente dedicati al cinema, alle arti visive alle produzioni cinematografiche e artistiche.

Grazie alla disponibilità della FdL sorgerà entro la fine dell’anno un magnifico contenitore con: sede AFC, uffici di produzione audiovisiva, sale casting, sale costumi, trucco e parrucco, attrezzerie e deposito scenografie, una sala multimediale per 85 posti dotata delle più moderne tecnologie di proiezione digitale, spazi per allestire mostre e installazioni, bar e spazio conviviale, spazi per formazione professionale e sala riunioni.

2.CINEPORTO a Lecce, presso le Manifatture Knos di proprietà della Provincia di Lecce. Entro settembre 2008.
All’interno di un padiglione di 4.000 mq, una dei più incredibili contenitori culturali europei, una vasta area sarà a disposizione delle produzioni cinematografiche e audiovisive con uffici di produzione audiovisiva, sale casting, sale costumi, trucco e parrucco, attrezzerie e deposito scenografie, spazi per allestire mostre e installazioni.

3.Apulia Audiovisual Workshop – workshop internazionali itineranti per le 5 province pugliesi in cui 5 maestri del cinema europeo (un grande regista, uno sceneggiatore, un produttore, un direttore della fotografia e un organizzatore generale) incontrano 50 allievi di cui la metà non italiani che vi partecipano gratuitamente.
Lo scopo è di internazionalizzare i nostri contatti, di presentare la Regione ai talenti del futuro, di comunicare la Puglia in Europa. Entro ottobre 2008.

4.Progetto Memoria – un progetto di scoperta dell’identità pugliese.
10 luoghi e personaggi che hanno fatto la storia regionale (p.es. Caste del Monte, Sigismondo Castromediano, San Nicola, Aldo Moro, ecc.), 10 giovani e talentuosi autori pugliesi che girano altrettanti cortometraggi o documentari che raccontino la nostra identità collettiva. I 10 piccoli film vengono inviati ai festival e costituiscono la prima base di una memoria identitaria condivisa della Puglia. Entro marzo 2009.

Alla AFC viene affidato il compito di coordinare le attività dell’intero sistema regionale dell’audiovisivo:

- Mediateca regionale di Bari: in Via Zanardelli, che sarà inaugurata prima dell’estate. 350 mq con una piccola sala di proiezione, raccolta di tutti i reperti audiovisivi che si trovavano nella vecchia mediateca di corso Venezia a Bari. Dall’estate 2008.

- Mediateca dell’Unesco di Specchia (Le): sorgerà una mediateca che raccoglierà repertori audiovisivi dall’intero Mediterraneo. Dal 2009.

- Centro di formazione digitale di Mola di Bari: a cura di Felice Laudadio e con la direzione tecnica di David Bush. Dal 2010.

- Centro di cultura cinematografica Cinema ABC di Bari.

La AFC e la Regione Puglia dedicheranno risorse dei POR 2007-2013 per svariati progetti di sviluppo della filiera.

In particolare partiranno corsi di formazione, festival, circuiti sale cinematografiche di qualità, un fondo equità di sviluppo e molto altro.

Ogni informazione è sul portale www.apuliafilmcommission, grande data base degli artisti e dei tecnici dell’audiovisivo pugliese:

- una media altissima di circa 8 nuovi iscritti alla newsletter ogni giorni;

- una media di 190 nuovi visitatori ogni giorno.

Insomma non si può dire che siamo stati fermi a riflettere sotto un albero in questi otto mesi. Se ci penso e me lo ridico: otto mesi, otto mesi, otto mesi, otto mesi mi viene da ridere. Abbiamo tolto troppe ore al nostro sonno per sognare con gli occhi chiusi.

Con questo lungo post utile a capire dove stiamo andando - come alla fine di un cd o di un imponente saggio - voglio solo dire grazie a Raffaella e a Silvia su tutti.

E poi a Giovanna, Ninni, Marcella, Paolo, Lele, Riccardo, Mimmo, Antonio, Paola, Tano, Juri, Michele, Maurizio, tutti/e quelli/e che ho dimenticato e Carla perché r/esiste.


La distribuzione cinematografica dei documentari italiani

25 03 08 @ 01:33  raffaella.delvecchio

Riceviamo e vi inoltriamo la seguente comunicazione.

Cari documentaristi,
Questo è un momento molto speciale per il documentario italiano.
Su vari piani, ma in questo caso vogliamo parlare di uno solo, il più
importante: la distribuzione cinematografica
di documentari italiani.

Come molti di voi sapranno il 7 marzo sono usciti in sala
due importanti Film: “Vogliamo anche le rose” di Alina Marazzi e
“Biùtiful Cauntri” di Peppe Ruggiero, Andrea
D’Ambrosio, Esmeralda Calabria. Inoltre a partire dal 14 marzo
inizierà il tour autoprodotto del film “Improvvisamente l’inverno
scorso” di Gustav Hofer e Luca Ragazzi presentato con successo al
Festival di Berlino, ma che in Italia stenta ancora a trovare una
distribuzione.

Questa formidabile occasione, oltre a sottolineare l’estrema vitalità
del documentario italiano, ci dà la
possibilità di rilanciare il documentario in sala dimostrando che
un’altro tipo di cinema è possibile.

Per questo motivo chiediamo a tutti di fare una piccola azione per
promuovere questi film, soprattutto in vista del
secondo weekend di programmazione che, in assenza di pubblico,
potrebbe essere anche l’ultimo.

Convinti del fatto che l’unica arma a disposizione, per chi non può
contare su una grande distribuzione, è il passa
parola, ci siamo inventati:

CineChain - un consiglio d.o.c. per rilanciare il documentario
italiano

Chiediamo a tutti di aderire IMMEDIATAMENTE a Cinechain in tre
semplici modi a partire da ORA:
1. Inoltrando a tutti i propri contatti questa mail
2. Andando al più presto al cinema a vedere uno o tutti i documentari
in programmazione.
3. Consigliando, in caso di gradimento, ad almeno 10 persone di andare
a vedere il film con un sms del tipo:”Questa settimana prima che
sparisca dalle sale corri al cinema a vedere: (inserisci il titolo del
documentario che vuoi promuovere). Se il film ti piace inoltra questo
messaggio a 10 amici”

Con la speranza che 10-100-1000 messaggi arrivino a destinazione vi
auguriamo Buona Visione.

P.S: Per conoscere tutte le sale dove i film sono programmati vi
invitiamo a visitare i seguenti siti:
Volevamo anche le Rose: http://www.vogliamoanchelerose.it/
Biutiful Cauntri: http://www.biutifulcauntri.it/
Improvvisamente l’inverno scorso: http://www.suddenlylastwinter.com/

Associazione Documentaristi Italiani
c/o Cineteca del Comune di Bologna
Via Riva di Reno 72
40122 Bologna
Tel 051 204840
Fax 051 204821


Lights on

17 03 08 @ 04:06  raffaella.delvecchio

Riceviamo e pubblichiamo con piacere questa Lettera  aperta al Governo e al Parlamento che verrà presentata dal movimento dei cosiddetti Centoautori.

A voi ogni commento.


Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 Giugno 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 Giugno 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 Giugno 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina