Feed RSS

Jump breadcrumb   Sei in: Home » Diario » Pag. 7

Credits

21 03 12 @ 09:17  silvio.maselli

Niente di quel che pensiamo e realizziamo sarebbe mai possibile con l’intensità che ci mettiamo, senza un meraviglioso gruppo di giovani professionisti che collabora con l’Apulia Film Commission.
Senza Antonella, Costantino, Daniela, Francesca, Luca, Marcella, Massimo, Paola, Roberto, Virginia e i tanti e tante altri che quotidianamente offrono il proprio talento e la passione per assistere i numerosi progetti, per farli avanzare, per rendicontarli, per pagarli, per contabilizzarli e per le numerosissime altre cose che occorre fare per essere efficienti come amiamo essere, non esisterebbe nessun Bif&st o D’Autore o altro progetto capace di raggiungere i propri obiettivi.

Sul programma del Bif&st, per un mero errore materiale, mancano i loro “credits” e per questo li voglio citare qui e dire loro grazie ragazzi, grazie per quel che fate ogni giorno per costruire i nostri progetti e farli sempre più grandi.


Kino Roma e antiche suggestioni

21 03 12 @ 10:09  silvio.maselli

Il flusso della vita trascina via i ricordi che si incistano in parti remote della memoria, per riaffiorare improvvisamente, come fulmini, quasi inaspettati.

Ieri a Roma ho assistito alla proiezione di un (bellissimo) documentario da noi prodotto presso il Kino Roma, circolo culturale cinematografico affiliato all’Arci nell’affascinante quartiere del Pigneto, il village romano dei giorni nostri. Ebbene appena entrati con gli altri colleghi e amici presenti che non conoscevano il posto, tutti hanno esclamato la propria sorpresa, ritrovandosi immersi in un clima da anni ‘70, da cine club impegnato e attivo. All’inizio anche io mi sono emozionato, ho avvertito forte una sensazione di malinconia e di stupore, come se non fosse possibile entrare in un’oasi di accrescimento culturale come quello.

Ma poi, mentre scattavo foto con il mio iphone per documentare le vestigia contemporanee di un cinema che non esiste più, mi è tornata alla mente la mia vita precedente.
Son fatto così: vivo troppo intensamente il mio presente per lasciarmi blandire dal peso del passato. Epperò a sto giro ho sorriso di me.

Perché nei tardi anni novanta io ho fatto una cosa identica a Bari (e pure più bella se posso dirlo…) che si chiamava Anarres. Un luogo ereditato da meravigliosi militanti e intellettuali che, giunti spompati alla fine dei novanta, lasciarono a me e alcuni amici il compito di rinnovare vocazione e forma del più importante circolo culturale della città sommersa. Mesi interi passati col pennello in mano, a imparar a rompere e risarcire tracce elettriche, a far collegamenti, a costruire un contenitore che avesse un’anima.

Ci riuscimmo in poco meno di un anno. Molti intorno a noi perplessi, pochi solidali e pochissimi generosamente finanziatori. Così trasformammo un luogo polveroso in un cinema off a meno uno, sotto terra, come il Kino Roma. Nacque lì il mestiere che so fare oggi e dentro quella militanza gratuita, appassionata e come sempre bruciante si produssero legami e rotture, esperimenti e arricchimenti. Una generazione si forma così, nella lotta e nella conoscenza, nella scoperta e negli errori.

Per questo ieri, uscendo dal Kino Roma di via Perugia 34, ho pensato che ho già vissuto molte vite e che, comunque andrà, la parte mia la sto facendo per rendere migliore questo tempo nostro.

Sono circa vent’anni che costruisco luoghi e rapporti. Per questo quando incontro persone che sanno solo distruggere il lavoro altrui, ho imparato a cambiar strada e a ricominciare daccapo a costruire.

Oggi, ogni mattina, entro orgoglioso nel “mio” Cineporto, vado a visitare il Cineporto di Lecce e penso: sono vent’anni che costruisco…


E son contento

15 03 12 @ 05:29  silvio.maselli

Sono eterosessuale. Convivo con la mia compagna e mio figlio in una casa che stiamo pagando grazie ad un mutuo. Non sono sposato, ma il nostro nucleo familiare è iscritto al registro delle unioni di fatto del mio comune. Che per fortuna ha istituito. Leggo questa notizia e sono contento. Il tema dei diritti civili è decisivo per il progresso di un Paese. Che la coppia sia etero, omosessuale, composta da due anziani, da due sorelle, da due trans, da un ragazzo ed una anziana, da un anziano ed una giovane donna, se c’è amore o interesse materiale o morale bè, per me vanno tutelate e difese. E allora evviva la Cassazione e lo stato di diritto, più forte di qualunque etica trascendente e di qualunque fastidiosa interferenza religiosa. Le coppie omosessuali, se con l’attuale legislazione “non possono far valere il diritto a contrarre matrimonio né il diritto alla trascrizione del matrimonio celebrato all’estero”, tuttavia hanno il “diritto alla ‘vita familiare’” e a “vivere liberamente una condizione di coppia” con la possibilità, in presenza di “specifiche situazioni”, di un “trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”. Lo afferma la Cassazione, in una sentenza depositata oggi. Il verdetto è arrivato a conclusione di un iter giudiziario avviato da una coppia gay della provincia di Roma che si era sposata all’Aja, in Olanda, e chiedeva la trascrizione dell’atto di nozze in Italia. Richiesta che la prima sezione civile della Cassazione ha respinto, stabiliendo però che anche per le coppie gay devono valere gli stessi diritti assicurati dalla legge a qualsiasi coppia etero e pertanto “possono adire i giudici comuni per far valere, in presenza di specifiche situazioni, il diritto ad un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”. Il pronunciamento della Suprema corte viene definito storico dall’Arcigay. La sentenza, sottolinea presidente nazionale Paolo Patanè, “ha segnato un altro importante passo avanti sulla strada di una sempre più efficace protezione delle coppie omosessuali”. “Sono almeno tre i punti che - spiega - ci sembrano configurare un’autentica rivoluzione copernicana.

Da una parte la Corte afferma che le coppie omosessuali godono pienamente di un ‘diritto alla vita familiare’, recependo quindi l’orientamento già espresso dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2010. In secondo luogo la Cassazione riecheggia quasi testualmente la decisione già adottata dalla nostra Corte costituzionale sempre nel 2010, riconoscendo alle persone omosessuali ‘il diritto a vivere liberamente una condizione di coppia’ con la possibilità di ricorrere ai giudici ‘a prescindere dall’intervento del legislatore in materià. Ma soprattutto - osserva Patanè - la Corte formula importanti affermazioni di principio che sembrano smentire le posizioni recentemente espresse da alcuni politici circa la natura necessariamente eterosessuale del matrimonio”. Per il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo, “la sentenza di oggi è importantissima: fa una fotografia della realtà delle coppie lesbiche e gay, stabilendo che anche per le coppie gay devono valere gli stessi diritti assicurati dalla legge a qualsiasi coppia eterosessuale. Sono parole chiare e nette di fronte alle quali il Parlamento e il Governo sono chiamati a dare una risposta”. Reazioni positive alla sentenza anche dal mondo politico. “Le coppie di fatto per la Cassazione hanno diritto a un ‘trattamento omogeneo alle coppie coniugate’. W la Cassazione abbasso, su questo, Alfano”, scrive su twitter il capogruppo di Fli alla Camera, Benedetto Della Vedova. Massimo Donadi, presidente del gruppo Idv alla Camera, si chiede come “è possibile che in questo paese, quando si parla di temi etici e di diritti civili, la politica arrivi sempre in ritardo? E’ accaduto nel recente passato con la vicenda di Eluana Englaro. Stavolta, sul tema della coppie gay, è la Cassazione a prendere atto dei cambiamenti sociali e ad esprimersi in base al diritto” Soddisfazione per il verdetto è espressa anche dal senatore Pd Roberto Della Seta, componente della commissione straordinaria per i diritti umani. “L’auspicio - afferma - è che ora questo principio di elementare buon senso trovi piena applicazione nelle leggi”. “Il nostro paese - continua - è uno dei più arretrati quanto a diritti delle persone omosessuali, e questo alimenta e legittima persistenti atteggiamenti omofobi e discriminatori, che talvolta non risparmiano anche esponenti politici”. Fonte: http://www.repubblica.it/cronaca/2012/03/15/news/coppie_gay_famiglia-31593401/?ref=HRER2-1


Lazio

15 03 12 @ 05:06  silvio.maselli

Nel Lazio è stata approvata la legge tanto agognata dal settore e molto sostenuta dall’ANICA.
Vediamola nel merito, anche se non trovo traccia sul web del testo ufficiale.

Centro regionale per il Cinema e l’Audiovisivo
La legge istituisce il Centro regionale per il Cinema e l’Audiovisivo, quale ente strumentale per la realizzazione degli interventi. Per lo svolgimento dei suoi compiti, in particolar modo per coordinare i servizi a supporto delle produzioni sul territorio e per analizzare l’efficacia degli interventi ai fini della programmazione, il Centro si doterà di due strutture di supporto: la Film Commission e l’Ufficio studi e ricerca sul cinema e l’audiovisivo.
Contestualmente viene soppresso il Carl, il Centro audiovisivo della Regione Lazio istituito nel 1996.

Fondo regionale per il Cinema e l’Audiovisivo
E’ lo strumento finanziario per assicurare l’attuazione degli interventi regionali a sostegno del settore ed è dotato di uno stanziamento complessivo di 45 milioni di euro per il triennio 2012-2014.

Programmazione
Secondo quanto previsto dalla riforma, entro il 31 ottobre dell’anno precedente a quello di riferimento la Giunta approva il Programma operativo annuale che definisce gli interventi da realizzare ed i relativi beneficiari, le priorità e i tempi di realizzazione, le modalità ed i criteri di concessione degli aiuti, le risorse strumentali e finanziarie necessarie.
Il Piano annuale viene realizzato all’interno della cornice programmatica rappresentata dal Documento programmatico triennale.
Sulla definizione dei programmi di intervento è chiamata ad esprimere pareri e formulare proposte la Consulta regionale per il Cinema e l’audiovisivo, composta da 15 membri designati dalle associazioni ed organizzazioni di categoria, dalle organizzazioni sindacali, dal Comitato regionale di coordinamento delle Università del Lazio (Crul), dall’assessore regionale alla Cultura, dal Comitato regionale per le Comunicazioni (Corecom) (come emendato integralmente da proposta di Antonio Paris.

Tipologie e modalità di intervento
Sono previste forme di sostegno per le attività cinematografiche ed audiovisive di produzione, distribuzione, esportazione, promozione, esercizio cinematografico, conservazione, studio e diffusione delle immagini in movimento, con particolare interesse verso l’innovazione tecnologica dei supporti e dei formati.
In particolare è riconosciuto specifico sostegno alla produzione ed alla distribuzione di opere: di interesse regionale, di animazione (emendamenti a firma del consigliere Irmici), per ragazzi, prodotte in teatri di posa localizzati nella regione, di genere e in particolare a basso costo, per disabili sensoriali attraverso la sottotitolatura o la sovrascrittura ed altre forme di fruibilità offerte dalla tecnologia, prime e seconde, di ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi multimediali e interattivi inclusi i cross mediali e i multi piattaforma, di produttori indipendenti, prodotte da micro e piccole imprese.
Contemplati anche contributi per gli esercenti cinematografici destinati a: promuovere la programmazione e la circuitazione, in particolare, di opere cinematografiche prime o seconde, di interesse regionale e di rilevante interesse artistico-culturale che trovano difficoltà nella distribuzione; migliorare le condizioni di accessibilità, di sicurezza e di adeguamento tecnologico-strutturale negli spazi adibiti a pubblico spettacolo. Previste, inoltre, forme di sostegno alle attività di pre-produzione, produzione e post produzione cinematografica e audiovisiva.
Tra gli interventi declinati, ci sono poi operazioni di internazionalizzazione, marketing e comunicazione relative all’intera filiera dell’industria cinematografica e audiovisiva regionale, a location regionali, alle opere di interesse regionale ed al cineturismo. E ancora interventi per la formazione, l’aggiornamento e la riqualificazione professionale del personale artistico e tecnico e di sostegno a percorsi di alta formazione, specializzazione e stages all’estero, anche attraverso la concessione di borse di studio a favore, in particolare, di giovani avviati alle professioni tecnico-artistiche del settore. Previste, infine, attività di ricerca, raccolta, catalogazione, conservazione, restauro ed analisi della documentazione cinematografica ed audiovisiva prodotta nel territorio regionale.
Il testo prevede che gli interventi potranno essere realizzati anche avvalendosi di società a partecipazione regionale che si occupano di attività, programmi o progetti riconducibili al settore del cinema o dell’audiovisivo o che operano nel settore del credito delle imprese.


Lo avevamo già letto.

14 03 12 @ 10:49  silvio.maselli

Lo avevamo già letto sull’ottima ricerca commissionata da Mediaset e realizzata dalla Isi Cult relativamente all’universo mediologico nazionale, ma questo studio di Eurobarometro ci conferma che la TV è, seppur in calo relativo, la più amata dagli italiani e che, dunque, sulla TV e per la TV si fanno pazzie. Come per esempio la ridicola, triste - se non fosse drammatica - presa di posizione di Angelino Alfano che sta facendo ballare il governo più amato della storia recente del Paese per il solo fatto che Mario Monti avesse citato la parola “Rai” in relazione ad un incontro convocato con A, B e C, i leader che appoggiano il governo.
La cattiva politica, cioè quella che pensa ai fatti propri invece che al bene comune, non muore così facilmente, dopo soli tre mesi di montismo. Per ucciderla ci vuole un voto chiaro, forte, netto. Ed un’alternativa altrettanto chiara. Che francamente non si vede ancora all’orizzonte.

“Tv e radio ancora le preferite degli italiani, mentre aumenta anche l’uso di internet. E’ quanto emerge dal Rapporto sull’Italia dell’Eurobarometro Standard 76, presentato oggi alla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e discusso dal presidente dell’Ispo (istituto per gli studi sulla pubblica opinione) Renato Mannheimer e il presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara. Il sondaggio e’ stato condotto tra il 7 e il 20 Novembre 2011 su un campione di 1.031 cittadini. Per gli italiani (83%) e per gli europei (86%) la televisione rimane il mezzo di comunicazione di massa piu’ utilizzato anche se con alcune differenze percentuali legate all’eta’, al genere e alla provenienza geografica degli intervistati. A seguire troviamo la radio, anche se meno di un terzo degli italiani afferma di accenderla una volta al giorno (in Europa oltre la meta’ degli intervistati invece dichiara di farne un uso quotidiano) e la carta stampata, che vede il dato sul suo utilizzo giornaliero da parte degli italiani in ulteriore calo rispetto a un anno fa (dal 29% al 25%). La televisione risulta essere attendibile nel presentare le notizie europee anche se, proprio come la radio e la stampa, il dato sul grado di fiducia in essa riposto e’ in calo. Infine, qualche considerazione sul trend della rete. Gli utenti di internet sono in aumento: circa il 39% degli italiani dichiara infatti di connettersi quotidianamente. Inoltre, per ottenere informazioni sull’Unione europea vengono consultati principalmente i siti dei quotidiani o dei settimanali; a seguire troviamo le pagine istituzionali, i blog e altri siti di condivisione. L’utilizzo dei social media per ricercare informazioni rimane ancora marginale, ma la maggior parte degli intervistati ritiene che siano funzionali ad una maggiore partecipazione politica dei cittadini.”

Fonte: http://www.primaonline.it/2012/03/13/103296/uemedia-eurobarometro-tv-la-preferita-da-italiani-aumenta-uso-web/


Puntualità

12 03 12 @ 10:51  silvio.maselli

Ogni anno, pochi giorni prima dell’inizio del Bif&st, qualunque sia il clima politico o l’agenda della contesa regionale o nazionale, un consigliere regionale che ho già avuto modo di querelare in passato per le sue falsità clamorose e i danni che, tramite le sue parole non verificate, ha rischiato di cagionare alla mia professionalità (cosa di cui vado piuttosto fiero); spara a zero contro il Festival della Regione che in moltissimi ci invidiano in giro per il Paese.

Sino all’anno scorso il suo bersaglio era la maggioranza di governo ed in particolare la Prof.ssa Godelli. Quest’anno, non si capisce perché, tira in ballo me e alcuni collaboratori ignari di quanto la contesa politica possa a volte essere usata come arma contundente contro persone libere, per bene, competenti, professionali e appassionate del solo proprio lavoro. E mi tira in ballo per sapere quale sia la mia forma contrattuale, come se fosse un mistero!

E’ singolare perché sembra che ci sia qualcuno alle spalle che stia lì dietro a fomentare, nella speranza di lucrare un qualche posticino (uno strapuntino?) al sole, perché si sa, i mediocri vivono di speranze vacue e dell’altrui sfortuna.

Ma noi, per fortuna, siamo più forti di questa palude e non ci lasceremo risucchiare dai numerosi - mai quanto le migliaia di persone che hanno già acquistato un abbonamento o un biglietto per l’edizione 2012 del Bif&st - malmostosi che aspettano un anno intero per sfruttare la scia del Festival per esistere e apparire un po’ meno inutili del resto dell’anno.

E puntuali, come sempre, arrivano anche i signori di un TG locale, i quali per ragioni inconfessabili colpiscono ogni anno, guarda caso sempre e solo il Bif&st. Forse perché non paga a loro, come del resto alle altre tv, la pubblicità?

Ma tanto il loro pubblico s’informa e siccome ama il cinema e la qualità, al Bif&st ci viene ugualmente. Con o senza l’avallo dei padroni del nulla.

Fonti:

http://www.regione.puglia.it/index.php?page=pressregione

Con riferimento all’interrogazione del consigliere regionale PdL, dott. Nino Marmo, in merito all’edizione 2012 del BIF&ST, l’assessore Godelli risponde per punti di seguito:
1. il BIF&ST è un progetto a titolarità regionale attuato dalla Fondazione AFC. La Regione Puglia, Servizio Turismo, ha acquisito dalla Fondazione AFC una proposta di progettualità del festival in data 20 giugno 2011; con nota del 26 luglio 2011 (Prot. AOO_056_0004749) la Regione Puglia ha ritenuto la progettualità proposta coerente con gli obiettivi del PO FESR Puglia 2007 – 2013, Azione 4.1.2, e nello specifico riconoscendole la capacità di ‘incrementare l’attrattività del territorio pugliese collocandosi quale ‘grande evento’ culturale capace di accrescere il grado di notorietà della destinazione turistica Puglia sui principali mercati del settore e non solo’. Inoltre, il progetto è in linea con il piano regionale di attuazione delle attività di promozione e comunicazione in Italia e all’estero approvato con Delibera N. 194 del 10 febbraio 2011. L’attuazione del progetto è stata affidata tramite apposita Convenzione alla Fondazione AFC in data 26 ottobre 2011.
2. Il progetto esecutivo presentato dalla AFC, approvato dalla Regione Puglia e parte integrante della Convenzione, prevede che la presidenza del festival sia affidata al Maestro Ettore Scola e la direzione artistica a Felice Laudadio, ideatore dell’evento, già direttore delle due precedenti edizioni (2010 e 2011) nonché direttore di ‘Per il Cinema Italiano’ (2009), su individuazione della Regione Puglia, oltre che titolare dei diritti di privativa del marchio BIF&ST. Con contratto del 16 novembre 2011 (Prot. N. 3105/11/U), la Fondazione AFC ha affidato le attività di direzione artistica del festival al dott. Laudadio. 3. I collaboratori del BIF&ST, tra cui i citati Angelo Ceglie e Angela Bianca Saponari, sono stati individuati secondo quanto previsto dalla normativa comunitaria e nazionale in materia di affidamento incarichi a personale esterno, i cui atti (Avviso Pubblico, verbali di selezione ecc.) sono pubblici e consultabili presso gli uffici della Fondazione AFC. Inoltre, con nota del 15 novembre 2011 (protocollo AFC N. 3106/11/E), il direttore artistico ha presentato una bozza del programma dell’evento e contestualmente ha indicato specifiche professionalità dall’alto profilo curriculare e al contempo funzionali alla migliore riuscita del festival.
4. Per l’esecuzione di tutte le attività previste dal progetto esecutivo sono stati attivati contratti a progetto, contratti di prestazione professionale e contratti di collaborazione occasionale. Gli importi di tutti i contratti attivati saranno pubblicati sul sito web della Fondazione AFC. Si precisa, inoltre, che anche i dipendenti della Fondazione AFC sono impegnati in quota e nell’ambito delle proprie mansioni contrattuali, nella realizzazione delle attività del progetto.
5. Si precisa nuovamente che tutti i collaboratori sono stati individuati secondo quanto previsto dalla normativa comunitaria e nazionale in materia di affidamento incarichi a personale esterno e, per alcune specifiche professionalità, su indicazione del direttore artistico. Gli importi sono stati determinati sulla base della qualità e della quantità della collaborazione o prestazione richiesta, secondo i principi di sufficienza, e comunque non superiori ai compensi previsti per incarichi similari e assimilati a quanto previsto per i lavoratori dipendenti. Tali costi, così come tutte le spese preventivate per l’attuazione del festival, sono interamente imputati sul progetto BIF&ST, finanziato esclusivamente dal PO FESR Puglia 2007 – 2013, Linea d’Intervento 4.1, Azione 4.1.2.
6. Il Direttore della Fondazione AFC, Silvio Maselli, è stato nominato dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione stessa in data 28 febbraio 2011 e contestualmente l’incarico è stato formalizzato (Prot. N. 436/U11) tramite apposito contratto di consulenza, per la durata di quattro anni così come previsto dallo Statuto della Fondazione.

http://www.consiglio.puglia.it/applicazioni/cadan/cms_AgenziaNotizie/dataview.aspx?id=172544

Il Consigliere regionale PdL, Nino Marmo, Vicepresidente del Consiglio regionale, ha rivolto un’interrogazione a risposta scritta al Presidente della Regione ed all’Assessore alla Cultura nella quale si premette che “il prossimo 24 marzo avrà inizio la terza edizione del Bif&st. Da una lettera a firma di Silvio Maselli ed Antonella Gaeta, rispettivamente Direttore e Presidente di Apulia Film Commission, si apprende che il Direttore del Bif&st è stato indicato dalla Regione Puglia in quanto la stessa Regione avrebbe la titolarità del Festival”.
A tal riguardo l’interrogante evidenzia che “contrariamente a quanto affermato dal vertice di Apulia Film Commission, lo stesso Direttore del Bif&st ha più volte dichiarato che il Bif&st è una creazione ed un marchio registrato di Felice Laudadio e che viene realizzato da Apulia Film Commission”.
Marmo chiede pertanto di conoscere: “1) Chi ha la titolarità del Bif&st; 2) chi ha scelto e con quale atto Felice Laudadio quale direttore del Festival; 3) Chi ha scelto lo staff dei collaboratori del Bif&st, tra i quali Angelo Ceglie ed Angela Bianchi Saponari 4) Che tipo di contratto hanno sottoscritto e con quale importo; 5) Chi ha scelto i collaboratori e chi ne ha determinato gli importi e, soprattutto, con quali fondi si farà fronte a tali spese; 6) Che tipo di contratto è stato sottoscritto dal Direttore di AFC e quale è la scadenza”


La virtù dei forti.

11 03 12 @ 10:43  silvio.maselli

Quando sei forte dei tuoi mezzi, consapevole delle tue qualità, certo della tua professionalità, protetto dalla stima che ti circonda nel mondo vero, quello che lavora e produce idee e innovazione, è meravigliosamente gustoso vedere i nemici affannarsi nel tentativo di riportarti indietro nel gorgo del paesello regionale in cui sguazzano, insozzandosi le penne di vischioso catrame che tarpa loro le ali e rattrappisce il loro cervello, peraltro già poco dotato di altre qualità se non del solo sconfinato interesse personale.

E siccome stiamo lavorando sodo e bene, come sempre, perché solo questo vogliam fare, il tempo scorre e ci porta dritti dritti al prossimo Bif&st, occasione di incontro, confronto, contatto, conoscenza, crescita di tutta una regione e di tutto un comparto.

Chi saprà cogliere le occasioni che il festival reca con sé è intelligente. Chi lo userà come platea per i propri livori, verrà risucchiato nel gorgo della impopolarità.

La storia, fortunatamente, va sempre avanti e, quando torna indietro, lo fa sempre e solo in forma di farsa.


I talenti nostri

06 03 12 @ 03:55  silvio.maselli

La selezione di corti finalisti ai Nastri d’argento, operata dal Sindacato nazionale critici cinematografici dimostra che in Puglia c’è un fermento creativo, come ricordava la deliziosa Erica Mou dal palco di Sanremo, che le istituzioni hanno favorito e accresciuto. E noi fra queste.
Non tutti i film selezionati hanno ottenuto il nostro sostegno economico, uno lo ha perduto per non aver rispettato i nostri criteri, tuttavia per noi è ragione di orgoglio vedere tanto talento essere riconosciuto in sedi così autorevoli.
A Jonas, Giacomo, Francesco e Giuseppe va il nostro bravi, bravi, bravi!

Fonte: http://www.cinegiornalisti.com/magazineonlinevisualizza_new.asp?id=4783

A Chjana di Jonas Carpignano

Fireworks di Giacomo Abbruzzese

La decima Onda di Francesco Colangelo

Stand by me di Giuseppe M. Albano


L’indipendenza paga

01 03 12 @ 10:12  silvio.maselli

Bravo Alessandro!

Settimana zeppa di nuovi film. Troppi. Attenti a non lasciarvi sfuggire il piu’ stracult di tutti, “Henry”, terzo noir ironico, violento e bizzarro di Alessandro Piva dopo l’incredibile doppietta pugliese formata da “La capagira” e “Mio cognato”.
Anche qui si gira attorno a una serie di eccessi e di personaggi malavitosi e grotteschi che si sparano e si uccidono allegramente in nome di un cinema d’azione alla Fernando Di Leo che Piva sembra venerare. “Il mondo si divide in due parti. Ci sono quelli che sgusciano le vongole prima di mangiare gli spaghetti e quelli che le sgusciano durante. Io faccio parte dei primi.”, e’ la grande massima del boss napoletano interpretato da Alfonso Santagata di fronte al suo killer di fiducia, certo Martino, un Dino Abbrescia scatenato che parla un napoletano pesante e dalla pistola facile.
“Lasciamene almeno uno vivo”, gli chiede Santagata. Autoprodotto con un milione e trecentomila euro scuciti dallo stesso regista (un eroe), distribuito dall’indipendente Iris Film, con un cast che vanta i migliori nomi del nostro cinema piu’ giovane, Carolina Crescentini, Michele Riondino, Claudio Gioe’, Paolo Sassanelli, e’ un viaggio in una inedita Roma notturna fatta di strafattoni, spacciatori, mignotte, gangster bianchi e neri, poliziotti corrotti sul modello piu’ dei vecchi film di Maurizio Merli e Tomas Milian che su quelli della nuova fiction alla Piva applica la lezione dei suoi primi due film al poliziesco romano insistendo particolarmente sulla costruzione di tutti i personaggi che mette in gioco, dal poliziotto buono Claudio Gioe’ alla ragazza traviata Carolina Crescentini, dai killer Davide Coco-Dino Abbrescia ai neri finalmente credibili, Aurelien Gaya e Eriq Ebouaney, stella del cinema internazionale gia’ visto in “The Horde”, “Le crociate”, “Femme fatale”, dal ragazzo che non c’entra niente Michele Riondino, ormai diventato il giovane Montalbano della tv, a Alfonso Santagata, grande attore teatrale a suo tempo riscoperto da Moretti e Garrone.
La storia ruota attorno all’omicidio di uno spacciatore romano, il Max Mazzotta di “Paz”, e alla scomparsa di un carico di coca che mette in agitazione due bande rivali, quella degli africani e quella dei napoletani. In mezzo un gruppo di ragazzi che si ritrova invischiato nel caso e i due poliziotti che cercano di trovare una soluzione all’omicidio e alla sparizione della droga.
Decisamente superiore alla media dei film italiani prodotti in queste ultime stagioni, forma con “Acab” di Stefano Sollima una decisa resistenza al predominio della commedia e una bella incursione nel cinema di genere italiano. E offre a Carolina Crescentini uno dei suoi ruoli migliori di sconvoltona romana. Ha pure una grande scena di sesso con Michele Riondino offerta in esclusiva per i lettori di Dagospia dal regista.

Fonte: http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/1-allontanate-i-bambini-respirate-forte-e-ciucciatevi-la-pi-eccitante-stracult-scena-di-36119.htm


Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55

News

Conferenza stampa "Le Vacanze intelligenti"

Torna per il secondo anno al cinema ABC - Centro di cultura cinematografica di Bari la rassegna di vecchi e meno vecchi film in 35 mm, realizzata grazie alla [...]

Leggi Tutto

Torna "Closing the Gap - Investment for 360° content"

Tra le iniziative prioritarie che l’Apulia Film Commission ha adottato sin dalla sua costituzione, un posto di assoluto rilievo spetta alla divulgazione della [...]

Leggi Tutto

PugliaGreenHour : la danza, la musica, la filosofia e il teatro nei parchi regionali

Nel segno del rispetto per l’ambiente e per i suoi ritmi naturali, tra danza, musica, filosofia e teatro. Si muove in questa direzione la rassegna [...]

Leggi Tutto

Casting

Casting "Giulietta e Rome"

Il 25 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 17:00 presso il Cineporto di Bari si terrà il casting per “Giulietta”. Si [...]

Leggi Tutto

Casting "Vite segnate" di Michele Cacucci

La Cine Art Entertainment di Bari cerca ruoli e comparse per il cortometraggio “Vite Segnate” regia di Michele [...]

Leggi Tutto

Casting per spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro

ALTERA STUDIO cerca differenti ruoli per una serie di spot ministeriali per la regia di Roberto Tafuro da girare in Puglia [...]

Leggi Tutto

Diario

Succede

29 Giugno 2012 - silvio.maselli

Se per oltre tre anni ti svegli la mattina alle cinque, saluti tuo figlio piccolo e tuo marito, prendi la macchina e raggiungi la stazione di Lecce, prendi il treno e arrivi a Bari, attendi [...]

Leggi e Commenta

Sono stati un esempio

28 Giugno 2012 - silvio.maselli

I colleghi che hanno fatto in questi anni la Friuli Venezia Giulia Film Commission sono stati un esempio per tutti noi. Hanno inventato il funding per l’audiovisivo, dotandosi di regole [...]

Leggi e Commenta

La brutta politica

27 Giugno 2012 - silvio.maselli

Si può fare tutto in questo Paese, stuprare la Costituzione, approvare leggi elettorali orrende, approvare una cosa che si chiama IMU e dare la colpa a Monti per la sua introduzione, ma quando [...]

Leggi e Commenta

Torna all'inizio della pagina